Un’enorme voragine si è aperta all’improvviso davanti a una fermata dell’autobus inghiottendo le persone e il bus che stava transitando in quel momento. È successo di fronte a un ospedale di Xining, in Cina. L’incidente ha provocato 6 morti, almeno 16 feriti e 10 dispersi. Le immagini delle videocamere di sorveglianza documentano anche un’esplosione scoppiata all’interno della voragine dopo la caduta del bus. Non è il primo episodio del genere in Cina: nel 2013, a Shenzhen, morirono cinque persone; due anni fa, a Dazhou, altre quattro vittime

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, il non intervento Usa ha una logica. E riguarda la probabile fine della ‘dottrina Carter’

next
Articolo Successivo

Migranti, assegnati i porti alle navi Sea Watch 3 e Open Arms: la prima andrà a Taranto, la seconda a Messina

next