Sono stati assegnati i porti per le navi Sea Watch 3 e Open Arms che negli ultimi giorni hanno soccorso decine di migranti nel Mediterraneo. La prima, come ha comunicato il Ministero dell’Interno, dovrà dirigersi verso il porto di Taranto, dopo aver caricato a bordo 119 naufraghi in tre distinti interventi, l’ultimo dei quali in acque Sar (Search and Rescue) maltesi. La seconda, invece, ha soccorso 74 persone in due diversi momenti, con un secondo intervento che gli operatori hanno definito “molto complesso” a causa delle interferenze della Guardia Costiera libica, ed è stata indirizzata verso il porto di Messina.

“Siamo felici – ha commentato il team di Sea Watch sul proprio profilo Twitter – che i nostri ospiti possano finalmente fare un passo sulla terra sicura, ma c’è ancora molto che deve essere cambiato: dagli opachi accordi con la Libia agli abusi sui migranti finanziati dall’Ue”.

Per quanto riguarda la seconda imbarcazione, il Viminale ha fatto sapere che “Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo” sulla base dell’apertura della procedura di redistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue, anche sulla scorta del pre-accordo di Malta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si apre enorme voragine in strada e inghiotte autobus: 6 morti e 10 dispersi in Cina

next
Articolo Successivo

Iran, il popolo protesta per la libertà. E stavolta gli scontri potrebbero degenerare

next