Più antica del nostro Sistema solare. Ha tra i cinque e sette miliardi di anni la più antica polvere di stelle mai scoperta sulla Terra: è racchiusa in un meteorite caduto in Australia 50 anni fa, e risale ad un periodo in cui il nostro pianeta e gli altri pianeti non esistevano ancora. Lo spiegano sulla rivista dell’Accademia americana di scienze (Pnas) i ricercatori dell’università di Chicago. Una scoperta che rivela anche che circa 7 miliardi di anni fa ci fu una sorta di baby boom di stelle.

“Questo è il materiale solido più antico mai trovato sul nostro pianeta, e ci dice come le stelle si sono formate nella nostra galassia”, commenta Philipp Heck, coordinatore dello studio. Si tratta di minerali o cristalli presolari, formatisi prima della nascita del Sole, dei campioni solidi di stelle. Questi granelli di polvere stellare sono rimasti intrappolati nei meteoriti, intatti per miliardi di anni. In sostanza delle capsule del tempo di un’epoca precedente alla nascita del Sistema Solare. Ma questi cristalli presolari non sono facili da trovare: sono rari infatti e presenti solo in circa il 5% dei meteoriti caduti sulla Terra.

Il Field Museum di storia naturale di Chicago ha la più vasta collezione di cristalli presolari del meteorite caduto in Australia nel 1969 a Murchison, nello stato di Victoria. I ricercatori hanno così scoperto che alcuni di questi cristalli sono i più antichi mai trovati, con un’età che oscilla tra i 4,6 e 4,9 miliardi di anni, alcuni anche oltre 5,5 miliardi di anni. Più vecchi quindi del Sole, che ha 4,6 miliardi di anni, e della Terra, che ne ha 4,5. Ma non è stata questa l’unica scoperta. Questi cristalli si sono formano infatti quando una stella muore, e possono dirci quindi qualcosa sulla storia degli astri. A quanto pare, circa 7 miliardi di anni fa ci sarebbe stata una sorta di baby boom astrale. “Abbiamo cristalli più giovani del previsto. La nostra ipotesi è che la maggior parte di questi granelli si siano formati in un momento di intensa formazione stellare – conclude – Un’epoca precedente la nascita del Sistema solare, quando si sono formate più stelle del normale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nasa, 17enne scopre un pianeta che orbita intorno a due stelle: era al terzo giorno di stage

next
Articolo Successivo

Infarto, il batterio Escherichia coli “complice”. Gli scienziati italiani: “Partiti da un’intuizione”

next