Insulti ma anche botte e immobilizzazioni forzate. La polizia ha eseguito cinque misure cautelari di divieto di dimora in alcuni comuni dell’hinterland di Palermo nei confronti di cinque indagati, badanti della comunità-alloggio “Anni Azzurri” del capoluogo siciliano. Tutti sono accusati, a vario titolo, di maltrattamenti aggravanti nei confronti di un 84enne gravemente invalido. In tre mesi di intercettazioni audio e video, le forze dell’ordine hanno registrato più di 100 episodi nei confronti dell’anziano, con condotte vessatorie, denigratorie e lesive della dignità umana. Secondo quanto ricostruito i maltrattamenti avvenivano solo perché l’anziano, che percepiva i sussidi della 104, si lamentava per i dolori connessi al suo stato di salute. Spesso veniva lasciato a piangere e a lamentarsi anche per ore, senza essere accompagnato in bagno, mentre altre volte veniva immobilizzato, imbavagliato e percosso. Gli indagati sono tutti appartenenti ad un unico nucleo familiare: si tratta del titolare di fatto della struttura e dei suoi parenti (padre, madre e fratello) impegnati nella gestione quotidiana dell’attività. Un’ispezione dei sanitari dell’Asp di Palermo ha inoltre accertato come presso la struttura tutti gli operatori lavorassero in nero e come nessuno di essi fosse in possesso di attestazione professionale utile a svolgere tale attività. Tra gli indagati anche una badante della struttura che, oltre allo stipendio in nero, era beneficiaria del reddito di cittadinanza. Al termine dell’operazione tutti i degenti presenti nella struttura sono stati riaffidati ai rispettivi parenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, ambientalisti contro taglio degli alberi: “Città piena di cementificazione selvaggia. Sala ci pensi bene prima di fare paladino del verde”

next
Articolo Successivo

Autostrade, dalle stazioni di emergenza alle vie di fuga: tutte le “non conformità” delle 105 gallerie. Le sanzioni? Al massimo 150mila euro

next