Da qualche anno molti musicologi scrivono testi divulgativi e didattici. È una propensione felice: il sapere musicale deve giungere anche ai ‘non addetti ai lavori’. Se vogliamo che la musica (e con essa la musicologia) susciti attenzione a livello socio-economico, politico, amministrativo, giova alimentare nei cittadini la coscienza di quanto quest’arte e questo sapere incidano sulla formazione della persona e sullo sviluppo della vita associata. Dobbiamo dunque diffondere gli strumenti di base per accedere alla cultura musicale. Per ciò occorrono libri che illustrino con semplicità forme, generi e vicende storiche della musica. Sono però molto difficili da scrivere: esigono obiettivi chiari, un target ben definito, uno stile accattivante.

Nel 2019 l’editore bolognese Odoya ha pubblicato un’agile Storia dell’Opera lirica: un immenso orizzonte. L’autrice, Roberta Pedrotti, esercita la critica musicale e dirige la testata on-line “L’ape musicale”. Qui traccia la storia dell’opera dalle origini, ultimo Cinquecento, ai giorni nostri. Racconta gli eventi e le svolte salienti, ma anche taluni episodi minori, che hanno avuto un ruolo importante nell’espansione di questo genere pervasivo. Pedrotti tratta i fattori costitutivi del melodramma: musica, libretto, scena. Indugia sui compositori di prima sfera, sull’organizzazione sociale, sulle problematiche connesse alla censura. Evidenzia gli scambi intensi, e non sempre armoniosi, fra librettisti e musicisti, le reazioni del pubblico, le carriere dei cantanti. Dedica pagine degne di nota al Novecento. Contempla le opere di spicco, e in un capitolo apposito tratta l’opera al cinema, l’uso che la decima musa fa di scene, arie, pezzi concertati: da Senso a Pretty Woman, dal Padrino a Match Point. Il libro, amabilmente illustrato, è concepito come un piacevole intrattenimento per il melomane navigato, e al tempo stesso come un invito e un incitamento rivolto al neofita.

Recentissima è anche una Storia della musica in due volumi, edita da Le Monnier Università per Mondadori Education. L’hanno stilata due musicologi che insegnano nelle università di Milano e di Torino: Davide Daolmi ha trattato il periodo dalle origini al Seicento; Andrea Malvano, dal Settecento all’età contemporanea. Gemelli nella strutturazione, i due volumi sono improntati a modelli di pensiero differenti, che traspaiono fin dalle prefazioni e dai risvolti di copertina: il che promana dalla diversa natura del materiale indagato, ma anche dalle personalità scientifiche dei due autori. L’arco della storia della musica è tracciato con la debita apertura interdisciplinare, con schede di approfondimento, schemi essenziali, e una bibliografia per ciascun capitolo. Il contenuto è cospicuo.

Daolmi evidenzia ad apertura come la musica permei la nostra vita, organizzi il nostro sentimento del tempo, rimandi ai ritmi biologici del nostro corpo. Sottolinea l’importanza ma anche i limiti delle fonti scritte, e discute come e perché le musiche antiche siano state create, eseguite e amate. Abbondano gli agganci culturali e i nodi intellettuali: i miti della Grecia antica, le culture dell’Oriente, il ruolo di Carlo Magno, le problematiche della scrittura musicale, il rovello delle teorie, poesia e musica nel madrigale, il teatro impresariale, gli autori eccelsi dal Medioevo giù giù fino a Dufay, Josquin, Palestrina, Marenzio, Monteverdi. Molta bravura, cultura, ricchezza di idee. Con un rischio: lo studente o il neofita potranno assorbire tante nozioni? Non conveniva alleggerire il menu? Certo, il docente saprà mediare, ma è un compito sempre arduo.

Malvano dichiara il proprio intento didattico nella prefazione. Seleziona le opere, e sottolinea opportunamente la rinunzia a una pretesa di sistematicità. Se ricorre a nozioni tecniche, le spiega, facilitandone l’apprendimento. Per la seconda metà del Sette e per l’Ottocento mette in risalto le concezioni filosofiche: i nessi interdisciplinari emergono limpidi dalla narrazione. Talvolta qualche concetto rimane astratto, confinato in una semplice nozione: ‘Biedermeier’, ad esempio; nel contesto dell’esposizione, è davvero utile? lo si sarebbe potuto evidenziare e sviluppare in altro modo? Grande attenzione spetta al Novecento: da Stravinskij a Šostakovič, da Maderna a Nono, da Stockhausen al minimalismo fino al ‘rompete le righe’ del postmoderno. Tremano le vene ai polsi: si apprezza la perizia e la destrezza.

I due coraggiosi colleghi hanno trovato un editore non meno coraggioso, cui spetta riconoscenza. Va mosso un appunto: se vogliamo che il cartaceo, sempre benvenuto, possa competere con il digitale, non sarà il caso di puntare a una qualità di stampa più nitida? Ne guadagnerebbero i lettori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Radio Zero, tra punk e cantautorato una nuova promessa del rock (in) italiano

next
Articolo Successivo

Album più venduti nel 2019, in vetta il fenomeno Ultimo che trascina (e salva) la musica pop italiana con i Big in affanno, scompaiono le cantanti

next