Un 2019 soddisfacente per Tesla, che per l’anno appena concluso ha dichiarato un aumento delle vendite globali di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. Un record ottenuto anche grazie alle 112 mila elettriche consegnate nel quarto trimestre 2019 (circa 20 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2018), per un totale di 367.500 unità nei 12 mesi: risultato, quest’ultimo, in linea con le aspettative dell’azienda di Elon Musk, che aveva stimato una forchetta tra le 360 mila e 400 mila vetture.

I numeri più alti li ha ottenuti la Model 3, che nell’ultimo trimestre dell’anno ha registrato vendite per 92.550 unità, ovvero il 47% in più rispetto al 2018 e, soprattutto, oltre le aspettative degli analisti, che avevano stimato 87.900 vetture. E quanto alla berlina, la sua prima produzione cinese sarà inaugurata con l’inizio delle consegne il 7 gennaio prossimo, nell’evento che si terrà proprio all’interno dello stabilimento di Shanghai, l’unico polo produttivo che il costruttore di Palo Alto ha al di fuori degli Stati Uniti.

Non solo, perché Tesla in questi giorni ha anche fatto sapere di aver ribassato il prezzo della sua berlina “made in China”. Dai 51 mila dollari (355.800 yuan) di partenza, la Model 3 scenderà infatti a 46.400 dollari (323.800 yuan cinesi), prezzo che potrebbe ridursi ancora – fino a circa 42.900 dollari (299.050 yuan) – considerando anche gli incentivi del governo cinese per l’acquisto di veicoli a zero emissioni. Una mossa, questa, che dimostra ancora una volta quanto quello della Cina sia un mercato e un Paese su cui Musk intenda puntare sempre di più.

Ma nelle ultime settimane si è parlato di Tesla anche riguardo ai sinistri, in alcuni casi mortali, causati dalle elettriche in modalità di guida semi-autonoma. Negli Stati Uniti, infatti, una Model S e due Model 3 sono state protagoniste di tre incidenti stradali, provocando la morte di tre persone: due in California, conducente e passeggero di una Honda Civic colpita mentre la Model S usciva a gran velocità dall’autostrada; la terza nello stato dell’Indiana, il passeggero della Model 3 che era andata a colpire un camion dei pompieri parcheggiato a bordo strada.

A causare l’ultimo incidente avvenuto a inizio dicembre, nel Connecticut, è stata un’altra Model 3 e di nuovo con l’Autopilot inserito, tamponando una vettura della polizia ferma a prestare soccorso a un’auto in panne; un evento che fortunatamente si è risolto senza feriti o vittime. A questi episodi, la Casa californiana ha risposto ribadendo che la funzione dell’Autopilot è di supporto al conducente, e che pur trattandosi di un sistema molto avanzato, non può essere utilizzato indipendentemente dalle capacità e dall’attenzione dell’automobilista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Auto, ecco i modelli in rampa di lancio nel 2020. Parola d’ordine: elettrificazione

next
Articolo Successivo

Smart, joint venture tra Daimler e Geely. Le future Fortwo e Forfour parleranno cinese

next