Il rapper Clementino potrebbe finire nei guai per alcune frasi sulla droga pronunciate durante il concerto di Capodanno a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno: gli agenti del commissariato di Polizia vogliono verificare se alcune espressioni “ambigue” potrebbero far pensare a un’istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. Sul palco era anche presente un finto spinello gigante e sono state lanciate delle bustine contenenti filtri e cartine.

Il rapper di Nola, 37 anni, mercoledì si è esibito davanti a più di 10mila persone. Durante lo show avrebbe salutato il pubblico dicendo: “Guagliù vi benedico in nome della canna”. Il concerto era stato organizzato dal Comune di Nocera che sta seguendo tutti gli sviluppi. In attesa di fare chiarezza il sindaco Manlio Torquato ha congelato il cachet dell’artista almeno fino alla verifica della magistratura.: “Al momento non si provvederà al pagamento, in attesa della verifica dei fatti”.

Clementino, al secolo Clemente Maccaro l’anno scorso ha annunciato di essersi liberato dalla schiavitù della cocaina. In un’intervista a Repubblica si è difeso dicendo: “Non ho inneggiato proprio a nulla: c’è una mia canzone che inizia così. E lo spinello di due metri che avrei fumato sul palco era di polistirolo. Era un gioco…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ficarra e Picone: “Mattarella ci ha telefonato per rispondere al nostro tweet sul Palermo Calcio in serie D”

next
Articolo Successivo

Rod Stewart finisce in tribunale per aver preso a pugni un bodyguard: voleva entrare a una festa per bambini con il figlio di 39 anni

next