Un anno sta per finire. Tempo di riflessioni e di bilanci. Per questo blog lo ha fatto Guido Ciompi, architetto e designer fiorentino, con la passione per il disegno satirico. Due anni fa, un po’ per sfida, un po’ per gioco, ha iniziato a disegnare una vignetta al giorno che mandava agli amici e al Il Messaggero che le pubblicava in prima pagina. Era il suo rituale, caffè, lettura dei quotidiani e matita in mano.

Per una sua scelta i suoi personaggi, presi in prestito dalla politica, anche internazionale (imperdibili quelle sul Trump inciuffato) non sono caricaturali e quasi mai volgari. Le vignette sono in bianco e nero, qualche volta si colorano.

Stiloso, una rara somiglianza con l’hollywoodiano Peter O’Toole, interior designer, ha disegnato arredi per hotel di lusso da Centurion Palacesul Canal Grande di Venezia al Gray Hotel in Milano (di grande impatto la scalinata all’ingresso). Progetta anche residenze private e resort in Italia e all’estero con una ricercatezza speciale nella scelta dei materiali. Ogni sua creazione è sempre un pezzo unico. Come le sue vignette di cui vi propongo una selezione che Ciompi stesso ha fatto.

FB pagina di Januaria Piromallo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook rimuove un’intervista di Affari Italiani per una frase su Mussolini. Il direttore: “Se c’è un fascismo è quello di chi censura”

next
Articolo Successivo

Ilfattoquotidiano.it, anno nuovo nuove ambizioni

next