Chi ha davvero chiaro cos’è il Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, il fondo salva-Stati sul quale Lega e Fratelli d’Italia hanno basato una campagna – con tanto di raccolte firme – nell’ultimo mese? Il 6 per cento dell’opinione pubblica. Lo dice un sondaggio Ixè – condotto per Cartabianca, su Rai3 – che allarga la fascia di chi ne sa qualcosa al 36, cioè poco più di uno su tre. La maggioranza degli intervistati, invece, dice di non avere chiaro il Mes: il 22 per cento – uno su 5 – ammette di non saperne nulla, il 33 dice di avere poco chiaro l’argomento. Difficile aggiungere, tra l’altro, il 6 per cento di chi risponde “non saprei” tra quelli più “consapevoli”.

Ixè ha anche chiesto agli intervistati a chi si sentono più vicini su questa vicenda, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte o al segretario della Lega Matteo Salvini. A spuntarla di poco è proprio il capo del governo (30 per cento) con il leader del Carroccio al 28. Il 9 per cento si sente vicino a Luigi Di Maio. Gli elettorati seguono ciascuno dei tre: tra i Cinquestelle la maggioranza segue Di Maio (di 9 punti davanti a Conte), nel Pd la larga maggioranza sceglie il premier, tra i leghisti ovviamente è un plebiscito per Salvini.

Anche in questo caso oltre un terzo del totale non sa scegliere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, gli esuberi di Unicredit fanno venire i brividi. Che Paese saremo tra qualche anno?

next
Articolo Successivo

Open banking, è in corso una rivoluzione di cui pochi parlano. E tutto sarà nelle mani dei clienti

next