Commozione e dispiacere per Pete Frates, il giocatore di baseball che ha combattuto fino all’ultimo contro la Sla – la malattia neurodegenerativa: sclerosi laterale amiotrofica – ma non ce l’ha fatta e si è spento a soli 34 anni. Frates è stato l’ideatore dell’Ice Bucket Challenge, ossia la secchiata di ghiaccio addosso, che è diventato virale nel 2014. Sostanzialmente con una secchiata di acqua fredda con del ghiaccio, si voleva sensibilizzare le persone a fare altrettanto e donando per la ricerca contro la Sla. Un risultato eccezionale con 220 milioni di dollari, raccolti in tutto il mondo. Al “gioco” virale e benefico hanno partecipato diverse personalità del mondo della politica (tra cui il presidente Usa Trump) e dello spettacolo.

“Ai piani alti c’è un disegno per me – aveva dichiarato Frates al The Salem News nel 2012 – ho accettato questa situazione mentalmente. Ci sono persone là fuori che non hanno il mio sistema di supporto o i miei vantaggi e voglio aiutarle”. Il giocatore nel 2011 è stato colpito al polso da un tiro, ma la guarigione risultava essere lentissima. Così dopo diversi controlli incrociati gli è stata diagnosticata la Sla nel 2012. Frates ha cercato di sensibilizzare da subito sul tema, spendendosi in prima persona per la raccolta fondi per la ricerca, fino all’ultimo giorno della sua vita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eros Ramazzotti: “La Trap? Mi fa paura. Non c’è freno allo schifo del gossip”

next
Articolo Successivo

Serena Grandi lancia un appello a Matteo Salvini: “Voglio entrare in politica e occuparmi di politiche sociali”

next