L’ex concorrente di Temptation Island Nathaly Caldonazzo è stata ospite di Vieni da Me e con Caterina Balivo ha ripercorso la sua vita, parlando della rottura con Andrea Ippoliti e, soprattutto, della sua storia d’amore con Massimo Troisi. In particolare, l’attrice ha ricordato un momento molto doloroso della sua vita, quando Troisi fu ricoverato per un mese e mezzo in America e lei rimase sempre accanto a lui in ospedale.

Fu ricoverato per un mese e mezzo, eravamo io e lui da soli in America, avevo 24 anni. Chiamavo la famiglia ma alla fine nessuno venne per un motivo o per l’altro – ha raccontato la Caldonazzo -. Ci fu un’operazione di urgenza al cuore. Purtroppo non andò bene. Lui con quel pigiama bianco e gli occhioni spauriti mi faceva tenerezza, mi sembrava Pulcinella. I dottori mi dissero che l’operazione era andata malissimo e non sapevano nemmeno se ce l’avesse fatta a tornare in Italia. Siamo tornati devastati, io pesavo 49 kg, lui forse un po’ di più. Decise di fare Il Postino, film bellissimo. Però se non l’avesse fatto forse sarebbe ancora vivo perché prima doveva fare un trapianto. Con lui è stato amore puro“.

Poi Nathaly ha parlato anche della rottura con Andrea Ippoliti: i due si sono lasciati dopo aver partecipato insieme a Temptation Island quest’estate. “È stata la delusione più grande della mia vita. Non pensavo di provare una sensazione da film horror. Una storia in cui credevo tantissimo, ho rinunciato al 90% di me stessa e mi sono ritrovata in una realtà scioccante”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ivan Cordoba, l’ex calciatore dell’Inter coinvolto in un incidente stradale a Como: ha travolto un motociclista, è grave

next
Articolo Successivo

Gianfranco Vissani: “Le donne in cucina? Crollano tutte. Io le metto in pasticceria”

next