La società che per conto di Autostrade – e sua ‘gemella’ – effettuava i controlli sul ponte Morandi “ha emesso un’istruzione tecnica… impartendo specifiche prescrizioni che escludevano l’accesso ai cassoni dell’impalcato del viadotto Polcevera”. È quanto si legge nelle motivazioni del tribunale del Riesame che a novembre ha accolto la richiesta della procura di Genova di interdire 10 tra tecnici e dipendenti dalla professione nell’ambito dell’inchiesta sui falsi report. A raccontarlo agli investigatori è stato un dipendente di Spea, controllata dalla concessionaria e solo recentemente esclusa dal monitoraggio dopo quanto emerso nell’indagine. In sostanza, i controlli sul Morandi, crollato provocando 43 morti, vennero “esclusi da Spea tramite prescrizioni specifiche”.

Non solo. Perché anche sui viadotti Bisagno e Veilino non tutto girava per il verso giusto. Secondo i giudici, le relazioni trimestrali “registrano ammaloramenti e correlate votazioni estremamente ripetitivi nel corso del tempo anche a distanza di anni e anche da parte di ispettori diversi”. In alcun i casi, scrive il Tribunale nel Riesame, “si modifica un difetto o un ammaloramento senza cambiare il voto”.

E gli ispettori sentiti dagli investigatori hanno “ammesso espressamente di essersi limitati a riportare i numeri delle precedenti relazioni e di essersi limitati a confermare quanto rilevato precedentemente dai colleghi ricopiando i dati già scritti” in precedenza. “Sostanzialmente – aggiungono i giudici – ricopiando i dati da questi trascritti anche senza effettuare alcun controllo in concreto sulle condizioni di salute di componenti del viadotto pur specificamente indicate”.

Un modus operandi, giustificato sostenendo che “non si poteva entrare nei cassoni”, che secondo il Riesame “integra una condotta di falso, per di più un falso estremamente pericoloso”. La traduzione dei giudici è pesantissima: “È stata fornita una posticcia copertura a gravissime inerzie, fonte di potenziali, rilevantissimi, pericoli per la sicurezza dei trasporti e la incolumità pubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roberta Ragusa, Antonio Logli uccise la moglie che scoprì la sua relazione extraconiugale: “Temeva le conseguenze” del divorzio

prev
Articolo Successivo

Martina Rossi, dalla morte a Maiorca alla prescrizione di uno dei reati. “Scappava per non essere violentata” – LA CRONOLOGIA

next