Bagarre e tensioni alla Camera dei deputati durante l’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, dopo le accuse delle opposizioni (oltre agli scontri interni alla maggioranza). “Siamo al cospetto di un’accusa gravissima contro di me”, ha esordito il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sulla riforma del Fondo salva-Stati, attaccando Lega e Fratelli d’Italia che, secondo il premier, “hanno diffuso notizie false e allarmistiche”, sostenendo che il trattato fosse “già stato firmato” e “per giunta di notte”.
Conte ha anche ripercorso le tappe del provvedimento e ha ricordato tutte le volte in cui il Parlamento è stato messo al corrente delle evoluzioni della riforma, per poi ricordare come durante le passate informative nessun parlamentare si fosse espresso in segno di dissenso. E ancora, soprattutto nel Consiglio dei ministri del 27 febbraio 2019 quando si parlò del Mes, “nessuno dei ministri presenti, compresi quelli della Lega, ha mosso obiezioni sul punto“. Più volte, il presidente della Camera, Roberto Fico, è stato costretto a dover richiamare i deputati, tra applausi della maggioranza e proteste dai banchi del centrodestra. In particolare, non sono mancati i battibecchi tra il leghista Claudio Borghi, a sua volta richiamato, e il presidente del Consiglio.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, l’informativa urgente del presidente del Consiglio Conte in Senato: la diretta

prev
Articolo Successivo

Fondo salva-Stati, Delrio cita Shakespeare e si rivolge a Salvini: “Sei come Mercuzio, hai parlato del nulla”

next