Durante l’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulle modifiche del Trattato sul Meccanismo europeo di stabilità, tra i banchi della Lega parte la protesta. I senatori leghisti fanno circolare un foglio con su scritto ‘Conte Pinocchio’, mentre un burattino è esposto sul banco del capogruppo della Lega, Massimiliano Romeo. Non tutti i parlamentari però comprendono di dover passare il foglio al vicino, tanto che che la “coreografia” si interrompe al Senatore William De Vecchis.

È la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, dopo essersi accorta del foglio, a chiederne il ritiro e aggiunge: “C’è un Pinocchio, può toglierlo?”. I senatori del Carroccio quindi indicano il Presidente del Consiglio e la presidente sospende la seduta

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, caos in Senato: Casellati richiama Salvini. Il leghista Centinaio a parlamentare della maggioranza: “Sei un cogl….”

next
Articolo Successivo

Governo, Conte: “Serve un cronoprogramma. Pd-M5s? Auspico si diano ampia traiettoria”. Orlando: “Siamo pronti, già in Emilia”

next