Presto l’assistente digitale Amazon Alexa, cuore e mente degli smart speaker Amazon Echo e di tantissimi altri prodotti smart, potrà esprimere emozioni attraverso la sua voce. Come annunciato infatti dal colosso di Seattle, il sistema di sintesi vocale è stato aggiornato, introducendo la possibilità di modulare la voce in modo da esprimere alcune emozioni di base, in particolare gioia o, al contrario, delusione e rabbia.

Le emozioni saranno impiegate per far risultare più coinvolgente la comunicazione, risultando ad esempio triste e dispiaciuta nel dirci che la nostra squadra del cuore ha perso, o viceversa allegra nell’informarci che nel fine settimana ci sarà un tempo ideale per una gita fuori porta.

Non a caso infatti da una ricerca interna condotta da Amazon è bastato questo nuovo approccio per veder aumentare di ben il 30% il gradimento da parte degli utenti nell’utilizzare Alexa, preferendo dunque una comunicazione più empatica a una in cui il tono di voce è più monotono e robotico.

Secondo quanto spiegato da Amazon, ‎Alexa dovrebbe saper esprimere le due emozioni di base in tre diverse intensità, così da consentire agli sviluppatori di scegliere la soluzione più adatta a soddisfare le loro specifiche esigenze. Ma non è tutto. Tra le nuove funzioni introdotte Amazon ha anche annunciato di aver dato ad Alexa un nuovo stile espositivo, adatto a enunciare notizie e contenuti musicali con il tipico tono adottato rispettivamente da giornalisti televisivi o VJ che stiano parlando di musica. Queste nuove caratteristiche per il momento saranno disponibili esclusivamente negli Stati Uniti e in Australia, limitatamente alle notizie, ma come sappiamo bene quando una nuova caratteristica funziona solitamente viene velocemente estesa a tutti gli altri mercati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone Android più potenti: vince l’ASUS ROG Phone 2 ma Xiaomi domina la fascia media

next
Articolo Successivo

Google sta testando gli SMS certificati per combattere lo spam

next