La Corte costituzionale si pronuncerà il 15 gennaio prossimo sull’ammissibilità del referendum sulla legge elettorale della Lega, che trasformerebbe il Rosatellum in un maggioritario puro, all’inglese, con soli collegi uninominali. Per quella data è stata infatti convocata la camera di consiglio a cui parteciperanno i promotori del referendum, cioè sette consigli regionali a maggioranza leghista, e se lo chiederà, anche il governo.

Il deposito delle motivazioni della sentenza deve avvenire entro il 10 febbraio. Il 30 settembre una delegazione, guidata dal vicepresidente del Senato Roberto Calderoli (Lega), aveva depositando in Cassazione il quesito. A sostegno i consigli regionali di Veneto, Sardegna, Lombardia, Friuli, Piemonte, Abruzzo, Liguria e Basilicata. L’ex ministro aveva detto che la legge sarebbe stata chiamata “Popolarellum, visto che lo deciderà il popolo”.

L’idea del Carroccio di ispirarsi a un maggioritario puro per far tornare “bipolarismo o tripolarismo” spiega. Per molti giuristi il referendum sarebbe anticostituzionale, perché non è autoapplicativo, perché manca la ripartizione del territorio in collegi maggioritari. Ma Calderoli sul punto aveva risposto che come tutte le altre leggi elettorali, “ha la necessità della definizione dei collegi attraverso una delega al governo. “Il Parlamento” aveva detto in una intervista – ha più di tre mesi per intervenire, ma “non ce la farà, è
fantascienza”. Gli altri partiti volevano una diversa legge elettorale ma cosi’ “noi li freghiamo. Volevano tornare al proporzionale con governi raccogliticci fatti da partiti e finti partitini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, 4 eurodeputati non votano Von der Leyen. Corrao: “Squadra peggio di quella Juncker. Siamo diventati la copia sbiadita del Pd”

next
Articolo Successivo

De Luca e la dura replica a Migliore: “Dice che devo farmi da parte? Alle elezioni ci sarò. Intollerabile questa valanga di chiacchiere”

next