Il traguardo da tagliare, da qui a cinque anni, è arrivare a vendere oltre un milione e mezzo di auto elettrificate all’anno, di cui 560 mila elettriche al cento per cento. A dichiarare la sua strategia per la mobilità green, questa volta, è la coreana Hyundai, che assicura un impegno finanziario e di offerta: oltre 35 miliardi di dollari per far passare la gamma “verde” da 7 modelli attuali (se consideriamo sia le varianti di Kona e Ioniq che la new entry Nexo) a 44 entro il 2025, di cui 23 esclusivamente a emissioni zero.

Un piano strategico rafforzato dalla recente partnership con Ionity (ancora in fase di definizione), il consorzio fondato dai principali gruppi automotive per la creazione di una rete di infrastrutture di ricarica veloce; a questa si è aggiunta la joint venture con Alpiq, fornitore svizzero di servizi energetici: l’obiettivo è di equipaggiare ben 1.600 mezzi pesanti con motorizzazioni a celle a combustibile entro i prossimi cinque anni.

Perché se per i più avere una mobilità “pulita” è sinonimo di tecnologia elettrica a batteria e ibrida, per il costruttore asiatico “elettrico” è anche sinonimo di “idrogeno”. La Nexo, infatti, è il crossover che completa la gamma green con una tecnologia diversa e per certi versi ancora sconosciuta al grande pubblico. L’auto ha un serbatoio da oltre 5 kg di idrogeno per garantire circa 600 km di autonomia secondo il ciclo WLTP ed è spinto da motori elettrici che sfruttano l’energia stoccata nelle pile ai polimeri di litio da 24 kWh; energia elettrica ricavata facendo reagire l’idrogeno, appunto, con l’ossigeno atmosferico.

Quanto a ibride e zero emissioni, ad oggi l’offerta di Hyundai vanta l’ultima generazione di Ioniq, la berlina a tre varianti – ibrida, plug-in ed elettrica – che, grazie alla nuova batteria da 38,3 kWh, ha ottenuto il 32% in più di autonomia: il che significa 294 km totali in elettrico e una ricarica rapida a 50 kW della durata di appena un’ora. Poi ci sono due sport utility: quella in foto, la Kona, in versione ibrida e a zero emissioni, e Tucson, con tecnologia mild hybrid a 48 V. Entrambi, con le promozioni del Black Friday, sono proposti con un finanziamento agevolato che permette di acquistare Kona in versione ibrida a 160 euro al mese e Tucson ibrida con allestimento Xprime a 215 euro mensili.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brumbrum, a Reggio Emilia una fabbrica per ricondizionare le auto usate

next
Articolo Successivo

Black Friday 2019, tutti gli sconti dei costruttori da FCA a Harley-Davidson

next