Due professori di chimica si sono messi a produrre droghe nel laboratorio dell’università dove insegnavano. Sembra la trama del film “Smetto quando voglio“, in cui un gruppo di ricercatori universitari crea una smart drug e inizia a spacciarla per arricchirsi, invece è successo davvero in Arkansas, negli Stati Uniti: Terry David Bateman, di 45 anni, e Bradley Allen Rowland, di 40, sono stati arrestati con l’accusa di aver prodotto metanfetamine nel laboratorio della Henderson State University di Arkadelphia, dove insegnavano. I due sono stati infatti sospesi dall’università.

A dare la notizia è il New York Times, secondo cui il centro di ricerca dell’ateneo era stato chiuso l’8 ottobre scorso dopo che nei corridoi si era diffuso uno strano odore chimico che aveva fatto scattare l’allarme. Dai primi test era emersa un’elevata presenza di benzilcloruro, un composto che può essere utilizzato nella produzione di metanfetamina in laboratorio. Sull’episodio aveva iniziato ad indagare la polizia e così, dalle indagini condotte dall’ufficio dello sceriffo della contea di Clark, si è scoperto che i due professori utilizzavano i laboratori per produrre droghe sintetiche. Ora rischiano una condanna fino a 40 anni di carcere: tanto è sanzionato il reato secondo le leggi statunitensi. Bateman lavorava da oltre 10 anni alla Henderson State University, dove era professore associato e direttore della ricerca universitaria, Rowland invece insegnava lì dal 2014.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neonato sottoposto alla dieta vegan non completa e sbagliata trovato morto: arrestati i genitori. L’esperta: “Lo svezzamento vegano è possibile ma deve assolutamente essere bilanciato”

next
Articolo Successivo

Fuma un pacchetto di sigarette al giorno per 30 anni e alla morte dona gli organi: i suoi polmoni estratti carbonizzati diventano uno spot contro il fumo

next