Colazione, pranzo e cena a base di manghi e banane, avocado e rambutan, dei piccoli frutti simili al litchi. Poi qualche verdura, rigorosamente cruda, e del latte materno. E basta. Due genitori hanno allevato così un neonato finché lo scorso 27 settembre il piccolo, a soli 18 mesi, è stato ritrovato morto. Con una dieta vegana “sbilanciata e quindi sbagliatissima” ha confermato a IlFattoQutidiano.it Elena Consolaro, esperta di nutrizione vegetariana e vegana. La malnutrizione gli ha causato disidratazione e microsteatosi epatica e siccome, inoltre, non si muoveva più tanto bene, gli si erano pure gonfiati mani, piedi e gambe. Il piccolo non mangiava nulla praticamente da una settimana, eccetto qualche poppata, e la mamma era convinta fosse normale visto che gli stavano crescendo i primi dentini. Così ha provato ad allattarlo al seno per un minuto ma subito ha iniziato a respirare fatica. La mamma, Shelia O’Leary, ha detto alla polizia Cape Coral, in Florida, che il piccolo non l’aveva mai fatto prima e che avrebbe dovuto chiamare qualcuno perché sì, era preoccupata. Invece la coppia si è addormentata e il piccolo è morto. È stata la stessa Sheila O’Leary a chiamare la polizia quando l’ha ritrovato che non respirava.

Malnutrizione anche per gli altri figli

Lei e il marito, Ryan, sono vegetariani convinti e hanno cresciuto allo stesso modo gli altri due figli, che oggi hanno 3 e 5 anni: entrambi sono stati trovati con un colorito pallido e giallastro, con i denti anneriti e cariati e sottopeso. Il piccolo pesava solo 7 chili, quanto un neonato di sette mesi e non diciotto. La madre ha anche un’altra figlia di 11 anni, avuta da un altro uomo, che le autorità di Cape Coral hanno descritto come la più sana. Faceva visita al padre biologico, in Virginia, ogni due mesi e ci stava per alcune settimane e questo sembra averla quantomeno tutelata. Le cause della morte del neonato sono state determinate il 6 novembre e poco dopo, i due genitori si sono consegnati alle autorità. Oltre alla dieta vegana, Sheila O’Leary ha anche dichiarato che l’ultimo figlio era nato in casa e che non aveva mai visto un dottore perché, ha specificato il padre, questa era la preferenza della famiglia. La coppia è accusata di omicidio colposo negligente, abbandono di un bambino con gravi danni fisici e negligenza di un bambino senza gravi danni fisici. I due rimarranno detenuti nel carcere della Contea di Lee fino al 9 dicembre, quando verranno formalmente accusati.

Vegani sì, ma con criterio

Una dieta vegana a base esclusivamente di frutta e verdura crude (crudismo) non è una dieta, non è sana per un adulto, tantomeno per un neonato. Lo spiega Elena Consolaro, medico di medicina generale ed esperta di nutrizione vegetariana e vegana presso l’Ats Insubria: “Lo svezzamento vegetariano o vegano è possibile ma deve assolutamente essere bilanciato. Costringere un neonato di 18 mesi a frutta e verdura e basta non va bene per niente. Servono carboidrati di buona qualità, proteine e grassi che sono i mattoni delle nostre cellule e della loro costruzione”. Non si discutono le motivazioni etiche che guidano la scelta di un’alimentazione piuttosto che di un’altra, il punto è una gestione sensata e professionista. Si può essere vegetariani o vegani e non mangiare proteine animali, a patto però che queste alimentazioni possano coprire il fabbisogno dell’individuo. “Servono alimenti come legumi, semi oleosi, cereali e soprattutto la vitamina B12. La dieta vegetariana e vegana se fatte in modo corretto sono accettate dalla comunità scientifica, la frutta e la verdura sono alimenti cardine per la prevenzione di tante malattie. Ma quella vegan ha carenze intrinseche e può essere una dieta pericolosa se non controllata e gestita – chiude la dottoressa Consolaro -. È importante fidarsi di alcuni centri di professionisti, presenti anche in Italia, che sono specializzati proprio nel portare avanti una formazione qualificata che aiuti le persone a scegliere una dieta con senso e criterio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma uccide due figli di 13 e 14 anni: “Non volevo sapessero che sono nati da una relazione incestuosa”

next
Articolo Successivo

Due professori di chimica producono droghe nel laboratorio dell’università: arrestati. Come nel film “Smetto quando voglio”

next