Una forte ondata di maltempo ha colpito la Bosnia, investendo anche il campo profughi di Vucjak, vicino al confine con la Croazia. Le piogge e il vento hanno parzialmente distrutto le tende, che sono state sommerse dal fango. Il campo si trova su un ex discarica, a pochi chilometri dalla città di Bihac e ospita centinaia di migranti in viaggio sulla rotta balcanica, in particolare afghani, pakistani, siriani e iracheni, assistiti solo dalla Croce Rossa locale. Più volte le organizzazioni umanitarie e l’Unhcr denunciato le pessime condizioni di vita del campo e hanno chiesto alle autorità bosniache di spostare i richiedenti asilo in un’altra area. Finora però gli appelli sono caduti nel vuoto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, scontri violenti all’Università: camion in fiamme. Manifestanti asserragliati al Politecnico

next
Articolo Successivo

Georgia, proteste per il no del governo alla riforma elettorale: opposizione blocca accesso al parlamento. Polizia interviene con idranti

next