Una forte ondata di maltempo ha colpito la Bosnia, investendo anche il campo profughi di Vucjak, vicino al confine con la Croazia. Le piogge e il vento hanno parzialmente distrutto le tende, che sono state sommerse dal fango. Il campo si trova su un ex discarica, a pochi chilometri dalla città di Bihac e ospita centinaia di migranti in viaggio sulla rotta balcanica, in particolare afghani, pakistani, siriani e iracheni, assistiti solo dalla Croce Rossa locale. Più volte le organizzazioni umanitarie e l’Unhcr denunciato le pessime condizioni di vita del campo e hanno chiesto alle autorità bosniache di spostare i richiedenti asilo in un’altra area. Finora però gli appelli sono caduti nel vuoto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hong Kong, scontri violenti all’Università: camion in fiamme. Manifestanti asserragliati al Politecnico

prev
Articolo Successivo

Georgia, proteste per il no del governo alla riforma elettorale: opposizione blocca accesso al parlamento. Polizia interviene con idranti

next