Asia Argento ha querelato il giornalista di Novella 2000 Carlo Mondonico e, tramite il suo avvocato, ha chiesto durante il processo per lui la condanna per diffamazione a un anno e otto mesi di carcere, senza la possibilità di conversione in pena pecuniaria e senza il beneficio della sospensione condizionale della pena (solitamente concessa entro i 2 anni). A dare la notizia è Il Corriere della Sera, spiegando che nel mirino dell’attrice figlia di Dario Argento c’è un articolo a firma di Mondonico del 12 settembre 2013 dal titolo “Asia Argento ubriaca di Max Gazzè”, in cui si fanno allusioni a doppio senso tipo “ubriaca d’amore”, “cenetta ad alto tasso alcolico”, “vinello sempre al seguito”, “susseguirsi di baci e brindisi”, ritenute dall’attrice e regista diffamatorie nei suoi confronti.

La vicenda è in discussione al Tribunale di Bergamo che dovrebbe pronunciarsi a riguardo: nel 2015 era stato il pm Massimo Meroni a chiedere il rinvio a giudizio di Carlo Mondonico, ora il viceprocuratore onorario ha formulato in udienza la richiesta di condanna a un anno e otto mesi di carcere. Una richiesta che, come riporta il quotidiano di via Solferino, risulta non solo spropositata ma anche in contrasto con quanto stabilito dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che, prima nel 2013 e poi ancora nel 2019, ha condannato l’Italia per aver punito con il carcere i giornalisti Maurizio Belpietro e Alessandro Sallusti, colpevoli di diffamazione. Per i giudici di Strasburgo infatti, è ingerenza spropositata di un Stato rispetto al diritto alla libertà di espressione, a meno che i giornalisti non siano responsabili di discorsi di odio o di incitamento alla violenza.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Julie Andrews: “Quando facevo Mary Poppins mi cantavano ‘basta un poco di zucchero…’ offrendomi cocaina”

next
Articolo Successivo

Emanuele Filiberto di Savoia a FqMagazine: “Il mio annuncio sul ritorno dei reali? Non mi aspettavo una tale reazione. Alle elezioni sarei arrivato al 20% dei voti”

next