Mario Balotelli non potrà guidare in Svizzera per tre mesi (dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020 compresi) per un’infrazione delle norme della circolazione commessa in Ticino. L’intimazione giunge dalla Sezione della circolazione di Camorino ed è comparsa sul Foglio Ufficiale odierno. A carico di Balotelli anche una multa di 100 franchi. La decisione del divieto di condurre veicoli risale allo scorso 30 ottobre.

Camorino è dovuta ricorrere al Foglio Ufficiale non conoscendo il nuovo indirizzo di Balotelli in Italia. “L’Ufficio giuridico della Sezione della circolazione, – contattato dal Corriere del Ticino -, non ha potuto entrare nei dettagli del caso, ma ha spiegato che, in generale, un divieto di condurre comminato a una persona residente all’estero con patente estera è limitato al territorio svizzero”. Quanto alla possibilità di opporsi alla decisione, è stato spiegato che “se la persona irrintracciabile prende contatto, la situazione viene valutata caso per caso, a dipendenza se il divieto o lo revoca della licenza di condurre (per Balotelli è il primo caso) è già in vigore o meno”.

Quello ticinese non è il primo caso in cui il calciatore si è scontrato con le norme della circolazione. Balotelli si era già visto ritirare la patente per eccesso di velocità nel 2015 a Brescia. Nel 2017 invece era stato pizzicato a 200 km/h sull’autostrada A4 in Italia, ma in quel caso se l’era cavata con una multa perché la velocità non era stata rilevata dalla polizia tramite un apparecchio omologato, condizione necessaria nella Legge italiana per un eventuale ritiro di patente, spiega il Corriere del Ticino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acqua alta a Venezia, una donna cammina senza vestiti per la calle allagata: la foto diventa un simbolo. “Siamo rimasti così, in mutande”

next
Articolo Successivo

La baby batterista suona i Nirvana e fa impazzire le rockstar: Lenny Kravitz, Red Hot e Rage Against the Machine fanno il tifo per lei

next