Tre storie fuse in un romanzo, tre storie che potrebbero essere tre racconti perché percorrono binari diversi, lontani tra loro, ma che invece arriveranno alla stessa stazione. Le tre storie in un romanzo le ha scritte Fernando Coratelli, il libro si intitola Alba senza giorno, l’editore è Italo Svevo.

La prima storia è quella di due rom, Stoian e sua moglie Stéphka, che dopo varie peripezie, arrivano in Italia. Sono giovani, si amano e sperano che il violino di Stoian permetta loro di vivere serenamente.

Poi c’è la storia di Martina, una giovane madre milanese di simpatie leghiste (con madre leghista). Il vero problema di Martina è una vita incolore, grigia come il cielo di Milano. Non c’è spazio per la compassione nel suo mondo, per il diverso.

E c’è la storia di Tonino Cortale che, oltre a essere un padre di famiglia che sogna scopate adulterine, è un sicario della ‘ndrangheta che riceve l’ordine di vendicare un assassinio.

“Non voglio morire in Bulgaria. Voglio un figlio. Voglio che stai con me e siamo felici”. La frase è pronunciata dalla giovane rom, Stéphka, nelle prime pagine. Tre storie, ma la vera protagonista è questa giovane zingara: si permette il lusso di sognare, lei, in un mondo che, invece di sognare odia.

Coratelli è nato a Bari, vive a Milano. Ha pubblicato Altrotempo (Cadmo), Quando il comunismo finì a tavola (CaratteriMobili), Lì dove niente può succedere (Lite-Editions, 2012) e La resa (Gaffi editore, 2013).

Coratelli ha dedicato il libro a Petru Birladeanu, musicista rumeno che il 26 maggio 2009 venne ucciso da un proiettile vagante durante una sparatoria alla stazione della Cumana di Montesanto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Premio Franco Giustolisi, vincono Federica Iezzi e Lorenzo Cremonesi. Menzione speciale per Giulio Mola

next
Articolo Successivo

Teatro alla Scala, tra sacchi a pelo e liste autogestite, decine di giovani in coda tutta la notte per l’anteprima della Tosca dedicata agli under 30

next