Gli incendi che da settimane stanno devastando la California hanno raggiunto anche Los Angeles, arrivando a lambire la collina di Hollywood e i Warner Bros Studios, gli studi cinematografici dove la celebre casa di produzione realizza alcuni dei film di maggiore successo. La scena è stata immortalata in un video pubblicato su Instagram da Scott Eastwood, il figlio del celebre regista Clint Eastwood che si trovava all’interno degli studi proprio nel momento in cui le fiamme e il fumo erano a pochi metri di distanza. Il giovane ha spiegato che, vista la situazione, i 230 pompieri intervenuti per cercare di arginare il rogo che in tre ore ha bruciato 300 metri quadrati hanno ordinato di evacuare gli studi ma il padre si è rifiutato di lasciare i Warner Bros Studios perché stava lavorando al suo ultimo film, The Ballad of Richard Jewell.

È successo un paio d’ore fa. La sicurezza ci ha intimato di evacuare lo studio. Ma il mio vecchio papà di 89 anni ha risposto: “No, noi stiamo bene, non ce ne andiamo, c’è del lavoro da finire” – ha scritto infatti il Scott riferendosi a Clint Eastwood che si era barricato all’interno degli studios a lavorare– . A quel punto siamo entrati in sala mixaggio e abbiamo visto tutti insieme il suo nuovo film, The Ballad of Richard Jewell. Come direbbe lui, bisogna tornare al lavoro e stare zitti. È una storia vera. È successo sabato”. In Italia con il titolo di “Richard Jewell”, l’ultimo film di Eastwood uscirà nelle sale cinematografiche il 16 gennaio 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ritirato in tutta Italia lo sciroppo contro la tosse Mucoaricodil di Menarini: ecco il lotto incriminato

next
Articolo Successivo

Shakira: “Ho rischiato di perdere la voce. Non mi sono voluta operare. Sono andata a Lourdes”

next