Mercoledì scorso, 6 novembre, era stata ospite di Pomeriggio Cinque e, a Barbara D’Urso, aveva rivelato di essere perseguitata da uno stalker e di aver pensato anche al suicidio. Poi, dal venerdì successivo, di lei si sono perse le tracce: è quanto successo alla cantante e autrice napoletana Cinzia Paglini che al momento risulta scomparsa. A dare l’allarme è stata la figlia che su Facebook ha lanciato un appello per ritrovarla: “Chiedo a tutti di aiutarmi a ritrovare mia mamma”, ha scritto. La Paglini ha 56 anni e vive a Napoli, nel quartiere di Fuorigrotta, ed è un nome noto della musica partenopea.

In collegamento con Barbara D’Urso, la cantante aveva raccontato di essere vittima di uno stalker da ormai due anni e che la vicenda è finita anche in tribunale: proprio domani, 12 novembre, è fissata infatti l’udienza del processo. Tutto, ha raccontato Cinzia Paglini, è incominciato su Facebook, dove uno dei suoi fan ha cominciato a scriverle diventando sempre più insistente e arrivando a minacciarla di morte e a metterle le mani addosso: “Ha iniziato a scrivermi continuamente, ma io non rispondo a tutti: ha iniziato a stalkerare, diventava sempre più assiduo dicendo che voleva sposarmi“, aveva spiegato la 56enne rivelando di aver ricevuto da lui minacce e insulti, tra cui anche le foto degli interni della sua abitazione.

Sto vivendo nel terrore, non mi relaziono più con gli amici: sul web mi sta vendendo come una poco di buono”, aveva detto aggiungendo anche che l’uomo le aveva messo le mani al collo e sollevandola: era dovuta intervenire la polizia ed a quel punto la magistratura si è attivata, inviando il soggetto agli arresti domiciliari. “Sì, sono stata male. Barbara io sto vivendo male questa situazione, ho perso la mia identità: ho perso tutto, ho perso la mia immagine. Non ho più quella grinta che avevo una volta. Ho aspettato che il treno passasse, mi sono nascosta, mi sono guardata intorno non c’era nessuno: un ragazzo si è accorto di me ed ha avvertito la Polizia Ferroviaria che mi ha alzato dai binari. Sto vivendo un incubo”, aveva concluso il suo racconto a Pomeriggio Cinque.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siamo fatti così, il cartone torna su Netflix con la sigla integrale (che nel 1989 venne censurata)

next
Articolo Successivo

Storie Italiane, Alessandro Greco e la moglie Beatrice Bocci: “Casti per tre anni, abbiamo scelto di mettere Gesù al centro della nostra vita”

next