Vimar ha sviluppato View IoT Smart Systems, una nuova piattaforma che consente una più agevole gestione di qualsiasi impianto intelligente di un edificio. Si parla di un pacchetto di soluzioni tecnologiche innovative, efficienti e semplici da utilizzare, ma anche personalizzabili e attente al design. La compatibilità è certificata con tutti i sistemi Vimar By-me Plus, By-alarm, Elvox Videocitofonia, Elvox TVCC e Elvox Automazioni; prevista ovviamente la possibilità di interazione fra gli stessi. Inoltre si può interagire con altri prodotti di altri marchi: si pensi ad esempio alle lampade connesse Philips HUE di Signify.

Il fulcro del sistema è legato alla tecnologia cloud, che abilita sia la gestione remota e che quella all’interno degli spazi. Il tutto sfruttando un comando elettronico programmabile, un elegante touch screen installato sulla parete, un assistente vocale o l’app View per smartphone. L’app infatti consente di personalizzare e controllare tutte le funzioni presenti nell’edificio (dal comfort alla sicurezza e all’efficienza energetica), creare degli scenari d’uso, gestire la funzione antintrusione, ricevere videochiamate e notifiche sullo stato degli impianti.

“Il sistema integrato, grazie al supporto del cloud, è inoltre completamente gestibile e riconfigurabile anche da remoto”, sottolinea Vimar. “L’installatore può quindi, grazie all’app View Pro, effettuare qualsiasi intervento di manutenzione o aggiornamento da qualunque luogo si trovi offrendo un servizio di assistenza in real time”.

Sul fronte sicurezza l’azienda conferma di impiegare i più avanzati standard in ambito IoT (Internet-of-things) e quindi di poter garantire “l’assoluta certezza che possano accedere al sistema solamente le persone autorizzate”. Inoltre l’architettura IP multigateway, basata su un’intelligenza residente (EDGE), permette la programmazione e il funzionamento dell’intero sistema anche in caso di mancanza di connessione ad Internet.

View IoT Smart Systems per altro è stato pensato fin dall’inizio della fase di progettazione per garantire la massima semplicità di utilizzo “permettendo a tutti di utilizzare facilmente le funzioni evolute degli impianti connessi”. Ad esempio l’interfaccia utente, trasversale a tutti i dispositivi – siano essi dotati di touchscreen o si parli di smartphone e tablet con app View – si affida a un linguaggio iconografico orientato agli oggetti tipico dei principali sistemi operativi, rendendo intuitiva qualsiasi operazione.

“L’accessibilità alle informazioni risulta quindi altamente semplificata e la curva di apprendimento del sistema accelerata. Una user experience totalizzante ed ergonomica per una gestione dell’edificio a portata di tutti”, puntualizza Vimar.

Infine bisogna ricordare che le prestazioni espresse sono state abbinate anche a una cura nel design che ha consentito di ottenere prestigiosi riconoscimenti del settore, come il Reddot Design Award e l’Iconic Award.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google presenta Live Caption, la Guida Vocale su Maps e DIVA, l’obiettivo: migliorare l’accessibilità di smartphone ed app

prev
Articolo Successivo

LG annuncia l’arrivo in Italia degli smartphone LG K40S e LG K50S

next