Al China International Import Expo (CIIE) di Shanghai, Kia presenta la concept Futuron, veicolo che offre uno sguardo sul… futuro della marca. Le forme sono da suv coupé e la meccanica è, nemmeno a doverlo specificare, 100% elettrica e dotata di trazione integrale. “Il nome Futuron nasce dalla fusione delle parole Future e On, suggerendo così la natura futuristica e “vibrante” dei prossimi suv a zero emissioni”, spiega il costruttore in una nota.

Lo stile si basa su proporzioni eleganti e forme fluide, con un occhio di riguardo per l’aerodinamica. Davanti figura una reinterpretazione del cosiddetto “tiger nose“, che da oltre un decennio rappresenta il volto del design Kia: “pur mantenendo l’identità di massima del frontale comune ai modelli della gamma, i designer Kia ne hanno ampliati i confini ed esteso la forma per creare una nuova idea di tiger face”, afferma la marca coreana. La calandra anteriore incorpora i fari, che formano un’inedita firma luminosa.

Lunga 4,85 metri, la Futuron ha un’altezza da terra elevata, apparentemente idonea all’uso in offroad. La batteria è collocata sotto il pianale e fornisce energia ai quattro propulsori, uno per ruota. L’intrinseca compattezza della meccanica elettrica consente di avere interni spaziosi e flessibili. E il tetto, con le sue trasparenze, fa filtrare la luce nella cabina passeggeri. Futuron Concept è equipaggiata di sensori in grado di assicurare funzionalità di guida autonoma di Livello 4.

Pertanto, quando a guidare provvede l’auto stessa, i sedili anteriori passano da una posizione verticale a una di “riposo” e il volante si ritrae nella plancia. Il cockpit digitale ha un andamento avvolgente e si estende dalla portiera lato conducente alla zona attorno al volante, formando un arco continuo. In questo modo, il quadro strumenti è tutt’uno con il display al centro del cruscotto, a sua volta collegato allo schermo integrato all’interno della superficie del volante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aston Martin AMB 001, la moto di James Bond debutta a Eicma 2019

prev
Articolo Successivo

Bentley Flying Spur, lusso alla british. Ecco la nuova generazione – FOTO

next