Quante volte abbiamo sentito la cantilena dei cantieri bloccati e paralizzati dalla burocrazia, delle opere (possibilmente “grandi”) da far partire quanto prima per sviluppare l’occupazione e rilanciare l’economia del Paese ferma da molto tempo? In alcuni casi, però, tutta questa urgenza non sembra proprio esserci.

Prendiamo quello della Tav Brescia-Verona: pochi giorni fai il bando da 205 milioni di euro pubblicato dalla società appaltatrice, il Consorzio Cepav 2, è andato deserto. Nessun gruppo, italiano o straniero, ha presentato un’offerta. Sorprendente, così come il constatare che ad avere fretta di aprire i cantieri sembra essere solo la politica, e non le grandi imprese di costruzione. Alle quali, una volta che si sono aggiudicate le grandi commesse dallo Stato (la Brescia-Verona fu assegnata – senza gara – nel 1991, come tutte le altre tratte Tav), sembra non interessare molto della situazione di crisi delle imprese subappaltatrici.

Eppure Pizzarotti, l’azionista e partner operativo del consorzio Cepav 2 (a cui partecipa con il 27% delle quote, assieme a Saipem con il 59% e Imc Maltauro con il 13%), aveva minacciato di chiedere i danni al ministero dei Trasporti per i ritardi che, a suo giudizio, sarebbero derivati dall’attesa dei risultati dell’analisi costi-benefici, eseguita dalla struttura di missione del ministero. Analisi che aveva dato esito negativo, prevedendo una perdita netta di 2,4 miliardi di euro che renderebbe la Brescia-Verona-Padova una delle opere con i più alti costi per chilometro realizzato.

E ora questo nuovo ritardo per la mancanza di partecipanti al bando a chi dovrà essere messo in conto? A Cepav 2? Quel che è certo è che partirà un ennesimo contenzioso che minaccia di aumentare ancora il costo dell’opera. Una vera e propria contrattazione sulla base d’asta, come già avvenuto sulle altre tratte Tav, che hanno fatto lievitare i costi pubblici e portare la spesa fuori controllo pur di concludere (sempre in ritardo) i lavori. Ma davvero bisogna continuare così? Oppure la spending review può finalmente partire?

Ad andare deserto è stato il bando relativo alla galleria di Lonato (lunga 5 chilometri), il lotto più complesso della tratta: ciò causerà sarà uno slittamento nell’inizio dei lavori di almeno otto mesi. Un rinvio che ero potrebbe ottenere un imprevisto effetto positivo: rivedere un progetto vecchio di venti anni trasformandolo da linea Av a quadruplicamento veloce dei binari con fermata sul Garda (primario bacino turistico): l’unico modo per rendere utile l’infrastruttura sia ai treni veloci che a quelli merci, senza lasciare fuori – come al solito – i pendolari.

Quel che appare chiaro, in ogni caso, è che non c’è “sblocca cantieri” che tenga: gli impedimenti alle grandi opere derivano dall’utilizzo di meccanismi di gara obsoleti, incapaci di velocizzare la realizzazione, facendo ricadere i ritardi e le varianti in corso d’opere sulle spalle delle casse pubbliche. Invece di adottare regole chiare, semplici e veloci come quelle di altri paesi europei che hanno recepito gli indirizzi dell’Unione europea sugli appalti, l’Italia continua a mostrare gravi carenze di trasparenza e a essere vulnerabile di fronte a fenomeni di corruzione, grazie a norme che premiano il contenzioso tra imprese e stazione appaltante piuttosto che disincentivarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Evasione fiscale, se chiedere lo scontrino è un’azione morale

next
Articolo Successivo

Usa, alcuni ricchi sostengono la forte tassazione proposta dalla Ocasio-Cortez. Altro che flat tax

next