In un’epoca in cui i gadget hi-tech abbondano, ma tutti condividono il problema delle batterie che durano troppo poco, è interessante un nuovo studio pubblicato dai ricercatori dell’Università di Alberta e Toronto. Si tratta di una batteria quantistica, che non perde la carica. Il chimico Gabriel Hanna, principale ricercatore dello studio, spiega che “una batteria quantistica è una piccola batteria di nano dimensioni destinata ad essere utilizzata per applicazioni su nanoscala”.

Al momento si tratta di una dimostrazione teorica, quindi non c’è da aspettarsi un prodotto fisicamente esistente per applicazioni concrete. Però lo studio è importante, perché il primo passo per realizzare una batteria con queste caratteristiche è fornire una dimostrazione teorica che la creazione di una batteria quantistica senza perdita di energia è possibile.‎

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

‎Hanna aggiunge che “le batterie che conosciamo meglio, come quelle agli ioni di litio che alimentano i nostri smartphone, si basano su principi elettrochimici classici. Al contrario, le batterie quantistiche si basano esclusivamente sulla meccanica quantistica”.

Comprendere il funzionamento di un potenziale prodotto di questo tipo non è semplice. Per la sperimentazione i ricercatori hanno considerato una rete quantistica aperta come una piattaforma per immagazzinare energia “eccitonica”, ossia che sfrutta la capacità degli elettroni di assorbire energia da un fotone di luce sufficientemente energetica.‎ “In questo stato la rete non può scambiare energia con l’ambiente circostante, quindi diventa sostanzialmente immune a tutte le influenze ambientali e altamente resistente alle perdite di energia” spiega Hanna.

A questo punto “è sufficiente” rompere ‎ la simmetria strutturale della rete in modo controllato, per scaricare e ricaricare la batteria all’infinito. Tutto questo non richiederebbe i processi elettrochimici imperfetti e soggetti a usura, come hanno dimostrato episodi di cronaca.

Il problema è che se l’idea sembra funzionare, l’applicazione pratica manca ancora. Ecco perché al momento si parla di proof of concept, cioè di un’idea che sulla carta funziona in quanto non contraddice le leggi della fisica. Non resta che mettersi al lavoro, e chissà mai che prima o poi si trovi il modo di concretizzarla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google interromperà a fine anno l’indicizzazione dei contenuti Flash

next
Articolo Successivo

Sensori di profondità minuscoli e leggeri grazie agli occhi di ragno

next