Motorola ha annunciato oggi l’arrivo in Italia di Moto G8 Plus, One Macro e Moto E6 Play, tre nuovi smartphone Android che vanno ad ampliare l’offerta del produttore americano nella fascia media e bassa del mercato, rafforzando le basi che l’azienda del gruppo Lenovo cercherà di utilizzare per riconquistare importanti quote di mercato anche in Europa, dopo i risultati positivi ottenuti in Nord America e America Latina nel corso dell’ultimo anno.

Motorola Moto G8 Plus
A spiccare fra i tre è sicuramente il Motorola Moto G8 Plus, che lancia l’ottava generazione della celebre serie Moto G anticipando di qualche mese gli altri modelli che la comporranno. Le novità del Moto G8 Plus partono dal design: se sul frontale mantiene la somiglianza con il G7 Plus, presentando un display IPS 19:9 da 6,3″ FullHD+ con notch a goccia, sul retro – offerto nelle due colorazioni Cosmic Blue e Crystal Pink – non è difficile notare il cambiamento del modulo fotografico che abbandona dopo anni la forma circolare posizionata centralmente per abbracciare una disposizione verticale lungo il lato sinitro, come già visto in vari modelli della più recente serie Motorola One.

Il G8 Plus eredita dagli One anche le fotocamere, vedendo sul posteriore come fotocamera principale la medesima 48MP con tecnologia QuadPixel che abbiam avuto modo di apprezzare alcuni mesi fa sul Motorola One Vision, accoppiato al “solito” sensore da 5MP per la gestione della profondità, e come fotocamera secondaria “l’action-cam” (16MP con lente grandangolare a 117°) dell’One Action che permette di registrare video orizzontali impugnando verticalmente il telefono; sul frontale, nel notch, trova posto un sensore da 25MP con tecnologia QuadPixel (anche questo simile al Vision). A completare la scheda tecnica troviamo il SoC Snapdragon 665 di Qualcomm (CPU OctaCore a 2GHz + GPU Adreno 610), 4GB di RAM, 64GB di memoria espandibile, speaker stereo con supporto DolbyAudio ed una batteria da 4000mAh con supporto alla ricarica rapida. Arriverà in commercio in Italia a partire da novembre con un prezzo aggressivo fin dal lancio di 269,99€, più basso di quello a cui solitamente il produttore americano aveva lanciato le precedenti generazioni di Moto G Plus.

Motorola One Macro
Il secondo modello presentato, che va ad inserirsi nella fascia a cavallo dei 200€, è il Motorola One Macro, modello che amplia ulteriormente la famiglia One puntando alla nicchia di utenti alla ricerca di uno smartphone in grado di realizzare fotografie macro. Simile nel design al G8 Plus, si presenta con uno schermo da 6,2″ HD+, chip Mediatek Helio P70 (cpu OctaCore 2GHz + gpu Mali G72), 4GB di RAM, 64GB di memoria (espandibile) e batteria da 4000mAh. Sul versante fotografico offre al posteriore una tripla fotocamera composta da un sensore principale da 13MP, un sensore per la profondità di campo da 2MP ed un sensore da 2MP con lenti Macro in grado di mettere a fuoco oggetti anche a 2cm di distanza dallo smartphone; all’anteriore trova posto una camera da 8MP. Arriverà in Italia a novembre in 2 colorazioni (Space Blue ed Ultra Violet) al prezzo di 209,99€.

Motorola Moto E6 Play
Il Motorola Moto E6 Play invece va a posizionarsi con un prezzo di 119,99€ come modello entry-level nella gamma di smartphone di Motorola, senza però rinunciare ad un buon design. La scheda tecnica si presenta con un SoC Mediatek MT6739 con CPU QuadCore a 1,5GHz, 2GB di RAM e 32GB di memoria, batteria da 3000mAh e display da 5,5″ HD+; sul versante fotografico troviamo al posteriore una fotocamera singola da 13MP, mentre all’anteriore una da 5MP. Anche il Moto E6 Play arriverà in Italia a novembre in due colorazioni, Ocean Blue e Steel Black.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usate troppo lo smartphone? Provate le nuove app di Google per il Benessere Digitale

next
Articolo Successivo

Google addestra l’Intelligenza Artificiale per “sentire” gli odori

next