Insieme alla mobilità a basso impatto ambientale, la connettività è uno dei grandi temi d’attualità riguardo alle quattro ruote. Secondo un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec su dati forniti dalla Roland Berger, entro il 2025 circa il 70% del parco auto europeo sarà formato da vetture che interagiscono con altri veicoli e infrastrutture, grazie a una dotazione telematica fatta di connessioni web e dispositivi mobili.

Si tratta di una stima particolarmente importante, perché ben cinque volte superiore a quella fatta nel 2016, ferma al 13,9%. Più alta anche rispetto alla quota preventivata per l’anno in corso, che è del 41%.

In particolare, questa crescita esponenziale sarà trainata dal ruolo sempre più importante sul mercato delle vetture già dotate, in primo equipaggiamento, di sistemi di connettività integrati: dopo aumenti costanti nel corso degli anni, nel 2025 costituiranno quasi il 40% del totale. Ma sarà decisiva anche la quota di veicoli che adotteranno tali sistemi in seconda battuta, ovvero dopo la vendita (aftermarket), stimata intorno al 30% sempre nel 2025.

Sempre secondo l’Osservatorio Autopromotec, decisivo sarà anche il ruolo dell’assistenza. Ovvero quello delle officine e degli autoriparatori, che dovranno acquisire competenze specifiche nell’interpretazione e nella gestione delle informazioni che vengono dal veicolo: banche dati, software di diagnostica, e più in generale tutte le attrezzature connesse con il veicolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Flotte aziendali, crescono elettriche e ibride ma il diesel regna ancora sovrano

prev
Articolo Successivo

Salone di Tokyo, benvenuti al luna park dell’auto. Ecco tutte le novità – FOTO

next