Il Comitato di redazione de Il Fatto Quotidiano e de Ilfattoquotidiano.it esprimono solidarietà ai colleghi Nello Scavo (L’Avvenire) e la giornalista freelance Nancy Porsia, che collabora anche con il Fatto Quotidiano, che sono stati minacciati per il loro impegno in prima linea per raccontare il traffico di migranti. A Scavo e Porsia, che hanno documentato la presenza del trafficante di esseri umani Abd al-Rahman al-Milad all’incontro di Mineo in Sicilia nel 2017 con le autorità italiane, è stata assegnata una tutela.

Facciamo nostro l’appello della Fnsi-Agl perché “tutti i media riprendano e approfondiscano le inchieste di Nancy Porsia e di Nello Scavo sui trafficanti di esseri umani, anche per fare da scorta mediatica ai colleghi che, siamo certi, non si lasceranno intimidire e anzi dedicheranno ancora più passione e impegno alla ricerca della verità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Fatto Quotidiano, 10 anni fa l’esordio in edicola. Padellaro racconta lo “stato nascente”: “Ci vedevamo alla fermata della metro”

prev
Articolo Successivo

La solidarietà dei cdr de Il Fatto Quotidiano e Ilfattoquotidiano.it ai colleghi di Askanews e Poligrafici editoriale

next