A vederlo giocare oggi, anche con la maglia del Ravenna o della Ternana, quando era ultratrentenne e a fine carriera, lo chiamerebbero almeno in Nazionale, e un ingaggio top da 5 o 6 milioni di euro all’anno non glielo toglierebbe nessuno, nonostante l’età. Oggi Ciccio Dell’Anno sarebbe il regista perfetto: lui che regista non era. Piedi buoni, ottimi, tanta fantasia, guizzi e soprattutto un sesto senso, una visione dello sviluppo del gioco e dell’azione comune a pochi. Era un 10, un trequartista si diceva allora: tanti assist, pochi gol e piedi che diventano distributori di cioccolatini quando bisogna attaccare e una banca svizzera quando c’è da far scorrere il cronometro. E oggi, lontano dal calcio e senza troppi rimpianti, quasi introvabile per addetti ai lavori e intervistatori, Dell’Anno non si rivede in nessuno: “Chi è simile a me? Non mi rivedo in nessuno onestamente: anche oggi si guarda totalmente al fisico e il talento puro è qualcosa considerato tipo optional”.

Qualche anno più tardi Carletto Ancelotti avrebbe intuito che cambiare trequarti al trequartista, passandolo da quella avversaria alla propria, nel calcio moderno era ben più redditizio: ne sa qualcosa Pirlo. “L’ultimo rimasto ad avere talento e visione senza avere il fisico – dice Dell’Anno – Però hai ragione…se giocassi oggi, con Ancelotti o con Sarri, con questi allenatori che guardano alla qualità, mi divertirei, si divertirebbero loro e farei divertire pure i tifosi. Il calcio offensivo mi è sempre piaciuto”. Ma Ancelotti, quando giocava Dell’Anno, non allenava e quel calcio che andava verso la fase ultramuscolare considerava il “trequartista” una sorta di peso morto, con ovvie e dovute eccezioni. E così, una carriera che pareva destinata a grandi cose si arenò nel momento migliore. Partì bambino da Baiano, cittadina irpina di 4mila abitanti, per arrivare a Roma a soli 12 anni: un ciuffo biondo e il sogno di diventare calciatore da alimentare nelle giovanili della Lazio.

A 17anni vorrebbero mandarlo a farsi le ossa in B, ma l’allenatore Juan Lorenzo, subentrato, lo vede giocare e sentenzia: “Tu in prestito? Sono matti, mi servi”. E lo fa esordire. “Oggi per giocare li fanno arrivare a 30 anni e i settori giovanili a parte qualche rara eccezione non vengono considerati. Abbiamo un problema di testa: ‘sei bravo e giochi’ è un concetto semplice, che tu abbia 12 anni o 30, lo fa il Barcellona, perché non può farlo una squadra italiana?”. Dell’Anno non va in B, dunque, ma ci va la Lazio con una stagione disastrosa: nonostante ciò il ragazzino Dell’Anno è tra i pochi a prendersi gli applausi dei suoi tifosi, regalandogli e regalandosi l’ebrezza di far sedere a terra uno poco avvezzo a quel trattamento: Platini.

“Ma all’epoca il talento o lo avevi o non lo avevi: oggi ne vedo troppi sopravvalutati. E basta vedere cosa accade in campo: un esterno su 10 cross ne mette otto fuori dall’area e due negli stinchi dell’avversario. I centravanti di oggi nella Serie A di 25 anni fa, quella di Van Basten, Careca, Batistuta e Balbo non avrebbero mai giocato. E così la Serie A diventa noiosa: io più di un quarto d’ora non riesco a guardarla”. Dopo qualche stagione in una società in forte difficoltà Ciccio riparte da Arezzo e poi arriva a Udine, dove sboccia: sale in A, e con Branca e Balbo fa vedere che è forte, ma forte per davvero. Assist su assist, un gol stupendo al Napoli di Ranieri bevendosi mezza difesa e andando di sombrero e sinistro all’incrocio. E Sacchi, allora ct azzurro, ci mette gli occhi: “Gol e giocate all’Udinese mi valgono l’attenzione della Nazionale, ma allora non era come oggi, che fai due partite buone e puoi stare anche all’Acireale, con ogni rispetto per l’Acireale s’intende, e ti convocano. All’epoca giocare in una piccola era una sorta di handicap: non mi chiamarono mai”.

Lo volevano in tante, su tutte il Napoli che però ha i bilanci disastrati e l’Inter, che se lo aggiudica nel ’93 per 14 miliardi di lire, una somma grossa per l’epoca. Ma non andò bene: un problema alla schiena gli frena la carriera, gioca poco in tre stagioni, e l’opportunità sfuma. Riparte dalla B: prima Salerno, poi Ravenna, dove con Enrico Buonocore, altro talento prelibato, delizia i tifosi giocando ormai in pianta stabile da regista. Infine Terni e l’addio al calcio, definitivo. “Ti dico la verità: ci ho anche provato a rimanere nel giro. Avevo buon occhio per i giovani calciatori, comincio a guardarne per una squadra: ne vedo uno che gioca solo dieci minuti, mi impressiona e lo segnalo subito. Mi rispondono: ma lo abbiamo visto così poco, invece guarda l’altro quanto è alto. Risultato: quello visto da me l’ha preso l’Ajax, l’altro è rimasto alto. Se devo guardare chi è più alto o ha le spalle più larghe, e non chi è più forte, rimango a casa: la mia idea di calcio è un’altra”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma Calcio, la storia di Maissa: arrivato in Italia col barcone, ora è un calciatore della Primavera giallorossa

next
Articolo Successivo

Foggia, calciatori sotto la curva intonano coro: “Onoriamo i diffidati”. Polizia acquisisce video

next