Ha un crocefisso intrecciato ai lacci e l’acqua santa nella la suola, per camminare – letteralmente – sulle acque del fiume Giordano: è la “Jesus Sneaker”, la rivisitazione di un classico modello della Nike con tanto di stemma vaticano incluso. “Volevamo dimostrare quanto sia diventata assurda la moda delle collaborazioni nel mondo della moda”, ha raccontato Daniel Greenberg, il direttore commerciale dell’agenzia che l’ha creata, in un’intervista al New York Post. “E così ci siamo chiesti: come sarebbe stata una collaborazione con Gesù Cristo, una delle persone più influenti della storia?”. Così è nata MSCHF x INRI, sold out nel giro di pochissime ore, nonostante il prezzo: 3000 dollari.

La sneaker è una classica Air Max 97 bianca: ma la Nike ha negato ogni coinvolgimento. Sui lacci c’è un crocefisso in miniatura, la suola – rosso cardinalizio – raffigura lo stemma vaticano e sul fianco è riportata una citazione evangelica “Matteo 14:25”. “Io sono ebreo – ha spiegato Greenberg – e l’unica cosa che sapevo di Gesù è che ha camminato sull’acqua”. Da qui l’idea di riempire la suola con 60 cc di acqua prelevata dal fiume Giordano e benedetta da un sacerdote, colorata di azzurro in modo da essere più visibile. Il sito è un portale e-commerce pieno di immagini dei santi e citazioni evangeliche: “Walk On Water”, recita la pubblicità che raffigura un ragazzo inginocchiato in preghiera, cioè “cammina sull’acqua”.

Dietro alla scarpa dei miracoli non c’è nessuna organizzazione religiosa: l’idea è di Mschf Internet Studios, agenzia che crea prodotti digitali molto bizzarri, come applicazioni per guardare Netflix al lavoro (fingendo che sia una conference call) o caratteri che permettono di scrivere meno riempiendo magicamente lo spazio (il Times Newer Roman). L’ultima trovata denuncia le collaborazioni assurde del settore della moda, soprattutto delle sneaker: non c’è celebrità che non abbia firmato almeno un modello in vita sua. Nei giorni precedenti al lancio è stata regalata a youtuber e influencer come il rapper A$AP Rocky e la curiosità ha fatto il resto: lanciate sul sito StockX, sono andate a ruba. L’azienda promette nuove uscite ogni due settimane, il secondo e il quarto martedì di ogni mese. “Ma questa – conclude Greenberg – è stata la collaborazione più santa di tutte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elton John: “Ho portato Donatella Versace in un centro di disintossicazione. Così la salvai dalla droga”

prev
Articolo Successivo

Joaquin Phoenix, brutto incidente stradale per l’attore di Joker: si è schiantato contro un camion dei pompieri

next