Rinnovati per altri quattro anni Sylvain Bellenger, direttore di Capodimonte, Eike Schmidt, direttore degli Uffizi (nella foto) e Cristiana Collu, direttrice della Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma. La decisione porta la firma del ministro dei Beni culturali e del turismo Dario Franceschini, che una settimana fa aveva confermato Bradburne alla direzione della Pinacoteca di Brera. “Autonomia e qualità dei direttori – ha detto il ministro, titolare del dicastero anche nei governi Renzi e Gentiloni – è un mix vincente per il sistema museale italiano”. Franceschini, augurando buon lavoro a Collu, Schmidt e Bellenger, ha sottolineato che “l’autonomia dei musei funziona. Questi anni ha portato sicuramente maggiori visitatori, ma è stata soprattutto un ottimo strumento per modernizzare i musei italiani e rafforzare la tutela e la produzione scientifica. I dati parlano chiaro: l’incrocio tra riforma e qualità dei direttori si è dimostrato un mix vincente per il sistema museale italiano”. Dal 2014 al 2018 i tre musei hanno avuto un forte rinnovamento, sottolinea il Mibact, in termini di riallestimento e ammodernamento delle sale e di rilettura delle collezioni che ha determinato una forte crescita del numero dei visitatori: +47% a Capodimonte, +30% alla Galleria nazionale e +6% agli Uffizi (che ha un sistema di regolazione degli accessi a numero chiuso). Anche nel 2019 questi tre musei stanno viaggiando a tassi di crescita superiori a quelli della media nazionale. In questi anni è aumentata anche l’attività scientifica, il legame con i territori, la presenza digitale dei musei e l’ampliamento delle collezioni attraverso nuove acquisizioni e donazioni.

Sylvain Bellenger – Dall’ottobre 2015 è direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte. L’incarico gli è stato conferito a seguito della partecipazione alla selezione pubblica indetta con bando internazionale l’8 gennaio 2015 dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Storico dell’arte, francese, è nato a Valognes, in Normandia. Laureatosi a Paris X-Nanterre nel 1978 in filosofia, si è poi specializzato in storia dell’arte alla École du Louvree alla Sorbonne, dove ha conseguito anche il dottorato di ricerca. Dal 2012 è capo dipartimento di pittura e scultura europee medioevali e moderne all’Art Institute di Chicago. Dal 2005 al 2010 è stato curatore capo all’Institut National d’Histoire de l’Art (Inha) di Parigi. Dal 1999 al 2005 è stato curatore della pittura e scultura europea al Cleveland Museum of Art. Dal 1992 al 1999 ha lavorato come direttore e curatore capo del Château and Museums of Blois. Dal 1987 al 1991 è stato direttore dei Museums of Montargis, in Francia. Nel 1986 ha conseguito il titolo di Conservateur des Musées de France. Autore di numerose pubblicazioni, ha studiato e lavorato anche alla Getty Foundation, alla National Gallery of Art di Washington, a Yale e a Palazzo Farnese. Nel 2006 è stato insignito della Légion d’Honneur.

Cristiana Collu – Dall’ottobre 2015 è la direttrice della Galleria nazionale di arte moderna e contemporanea di Roma. L’incarico le è stato conferito a seguito della partecipazione alla selezione pubblica indetta con bando internazionale l’8 gennaio 2015 dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Storica dell’arte, nata a Cagliari, dove si è laureata in storia dell’arte medievale nel 1993, ha vinto una borsa di studio presso l’Università Complutense e le Facoltà di Belle Arti e Geografia e Storia di Madrid. Qui ha seguito un corso di dottorato in Storia dell’arte, due master biennali in Museografia e Museologia, un corso di Progettazione di Mostre e Esposizioni. Dopo una intership all’Art Gallery of New South Wales di Sydney, ha iniziato a Roma la carriera universitaria e ha completato la sua formazione alla Bocconi con un corso di Management dei musei. Nel 1996 ha vinto il concorso per la direzione della istituenda Pinacoteca di Nuoro diventando, a 27 anni, la più giovane direttrice di museo d’Italia. Nel 1999 ha inaugurato il Museo d’Arte della Provincia di Nuoro ed è rimasta per 13 anni alla sua direzione. Dal 2012 al 2015 è stata direttrice del Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. Nel 2015 ha diretto per sei mesi l’Istituto Superiore Regionale Etnografico di Nuoro. Ha insegnato come professore a contratto all’Università La Sapienza di Roma, all’Università degli studi di Sassari, di Cagliari e di Trento.

Eike Schmidt – Dall’ottobre 2015 è direttore delle Gallerie degli Uffizi. L’incarico gli è stato conferito a seguito della partecipazione alla selezione pubblica indetta con bando internazionale l’8 gennaio 2015 dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Storico dell’arte, tedesco, nato a Friburgo in Brisgovia, si è laureato in storia dell’arte medievale e moderna alla Ruprecht-Karls-Universität di Heidelberg nel 1994. Nella stessa università ha conseguito con lode, nel 2009, il dottorato di ricerca in storia dell’arte con una tesi su ‘La collezione medicea di sculture in avorio nel Cinque e Seicentò. Dal 2009 è curatore e capo del dipartimento di scultura, arti applicate e tessili del Minneapolis Institute of Arts. Ha lavorato e vissuto a lungo in Italia, in particolare a Firenze, dove dal 1994 al 2001 è stato borsista e ricercatore presso il Deutsches Kunstshistorisches Institut. Nel 1997 ha vinto il premio Nicoletta Quinto della Fondazione Premio internazionale Galileo Galilei di Pisa. Dal 2001 al 2006 è stato curatore e ricercatore nella National Gallery of Art di Washington. Dal 2006 al 2008 è stato curatore nel Dipartimento di sculture e arti decorative nel J. Paul Getty Museum di Los Angeles. Dal 2008 al 2009 ha lavorato a Londra da Sotheby’s come direttore e capo del dipartimento scultura e arti applicate europee. Esperto di arte fiorentina di fama internazionale, ha pubblicato svariate monografie e decine di saggi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia 5 stelle Napoli, Di Maio e i suoi all’esame degli attivisti: tra assenti illustri e la “fatica” di stare al governo

prev
Articolo Successivo

Zingaretti: “Pd e M5s sono oltre il 40% assieme. Proviamo a fare un’alleanza? Io dico di sì, altrimenti torna Salvini”

next