Il consiglio comunale di Cerignola è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. Dopo 6 mesi di accertamenti da parte della commissione d’accesso, la relazione prefettizia giunta al ministero dell’Interno e portata in Consiglio dei ministri da Luciana Lamorgese ha stabilito che sono stati “accertati condizionamenti da parte delle locali organizzazioni criminali”. Per questo il comune foggiano, quasi 60mila abitanti, è stato commissariato per 18 mesi. Cerignola diventa così il terzo Comune della provincia pugliese, il secondo nell’ultimo anno dopo Mattinata, ad essere sciolto per i condizionamenti della criminalità organizzata. E resta aperta la procedura per il comune di Manfredonia, che a breve verrà portata in Consiglio dei ministri.

Fine corsa, quindi, per il sindaco Franco Metta che appena lo scorso luglio, durante un incontro con i lavoratori della Mondoservice, società che gestisce il verde pubblico per conto dell’amministrazione che era stata colpita da un’interdittiva antimafia del prefetto Raffaele Grassi, aveva urlato in diretta Facebook: “Basta rompere i coglioni, non siamo mafiosi”. Secondo quanto trapela sulle cause dello scioglimento, la situazione a Cerignola era in realtà assai compromessa. Non solo per come veniva gestiti affidamenti e appalti pubblici, ma anche per frequentazioni dirette degli amministratori comunali con pluripregiudicati anche per reati associativi.

Cerignola è tra i paesi considerati centrali nella geografia mafiosa foggiana, essendo la ‘base’ del clan Piarulli-Ferraro, con testa da anni nel Milanese. E la malavita cerignolana è il terrore delle società di portavalori: a quasi tutti i colpi milionari messi a segno contro blindati o caveau in tutta Italia partecipano bande di cerignolani in assetto paramilitare, come raccontato da Ilfattoquotidiano.it lo scorso agosto.

La segretaria locale del Partito Democratico, definendo lo scioglimento una delle pagine “più brutte della nostra storia”, attacca Metta: “La deliberazione del Consiglio dei Ministri non lascia alcun dubbio: la città è in mano alla criminalità organizzata. Finalmente, il sindaco Franco Metta e la sua Giunta dovranno rispondere del loro operato – scrivono – E dovranno farlo in maniera chiara. La Giunta Metta dovrà spiegare, per esempio, le irregolarità che hanno portato all’assegnazione della gestione del verde pubblico alla ditta Mondoservice e cosa sa dell’improvviso ritiro dell’altra ditta, che aveva regolarmente e legittimamente vinto la gara”.

Nel 2015 il primo comune foggiano commissariato per mafia fu Monte Sant’Angelo, epicentro della mafia garganica. Lo scorso anno toccò invece al Comune di Mattinata, dove il Consiglio dei ministri ritenne accertate le infiltrazioni della criminalità tra assunzioni di famigliari di pregiudicati, frequentazioni pericolose e affidamenti a società collegate a esponenti della mafia foggiana di impianti sportivi e servizi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, il direttore della Dia: “A Milano la ‘ndrangheta ricicla milioni coi ristoranti. Anche la Toscana è a rischio infiltrazione”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, studio Bankitalia: “Infiltrazioni al Nord frenano l’occupazione. Calo del 28% tra 1971 e 2011 nei Comuni più colpiti”

next