“A seguire alla lettera la sentenza della Cedu si rischia di tornare a prima di Falcone“. A lanciare l’allarme è dalle pagine è Roberto Tartaglia, ex pm di Palermo nel pool del processo sulla trattativa Stato-mafia oggi consulente della commissione Antimafia. “La sentenza Cedu sull’ergastolo ostativo pone certamente un problema importante“, dice – indicato tra i favoriti come successore di Raffaele Cantone alla presidenza dell’Anac – un’intervista a Repubblica. Il riferimento è alla sentenza della Corte europea dei diritti umani che ieri ha bocciato il ricorso dell’Italia ordianando al nostro Paese di riscrivere la norma sull’ergastolo ostativo: chi è condannato al fine pena mai e non ha mai collaborato con la giustizia, non può accedere all’assegnazione al lavoro all’esterno, ai permessi premio, e alle misure alternative alla detenzione. Una legge ideata personalmente da Giovanni Falcone nel 1991.

Non possiamo permetterci di rinunciare a quelle norme e di avviare un processo di sgretolamento del regime di ‘doppio binario’, cioè la disciplina differenziata per soggetti che, come gli affiliati mafiosi, appartengono a un circuito criminale che, sul piano sociologico, criminologico e culturale, è obiettivamente e innegabilmente differente da tutti gli altri contesti malavitosi”, dice Tartaglia. Ma non solo. “Non si può negare – aggiunge il magistrato – che questa disciplina ‘differenziata’ per i mafiosi, soprattutto sul versante carcerario, ha contribuito a dare un grande sostegno allo strumento preziosissimo delle collaborazioni con la giustizia, senza il quale, piaccia o non piaccia, l’azione repressiva, e talora anche quella preventiva, in materia antimafia non potrebbe certamente essere più la stessa”.

“La sentenza sembra difficilmente superabile e rischia di far proliferare il numero dei ricorsi di detenuti mafiosi oggi all’ergastolo“, rileva ancora Tartaglia. In effetti da giugno ad oggi – cioè dal “primo grado” della Cedu sul ricorso del boss di ‘ndrangheta Marcello Viola – altri 12 ergastolani hanno già fatto ricorso alla Cedu mentre molti condannati sono pronti a chiedere benefici e permessi: adesso saranno i giudici a valutare caso per caso, in attesa della sentenza della Corte costituzionale. “L’unica strada – prosegue – è attingere all’eccellente cultura giuridica che per tradizione l’Italia detiene. occorre prestare molta attenzione a tutte le pronunce che la Consulta ha emesso nel corso degli anni per rendere compatibile il ‘doppio binario’ con i fondamentali principi della Costituzione sull’uguaglianza e la finalità rieducativa della pena”. La questione ora è tutta nelle mani del legislatore, che dovrà intervenire per attenuare la norma dell’ergastolo ostativo: l’unica soluzione per uscire dall’enpasse, “può essere – conclude il pm – introdurre deroghe alla legge nel caso che il giudice escluda la pericolosità sociale del detenuto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Ergastolo, gli scenari dopo la sentenza: richieste di indennizzo e ricorsi. Di Matteo: “Gli stragisti mafiosi ottengono uno dei loro scopi”. Ardita: “Colpo di piccone al sistema di prevenzione”

next
Articolo Successivo

Ergastolo ostativo, Strasburgo respinge il ricorso dell’Italia. Uno Stato forte non ne ha bisogno

next