Mio figlio beveva, beveva e beveva. Ed è stata anche un po’ la sua disgrazia”. A rivelarlo è Franco Gatti, il cantante dei Ricchi e Poveri che è stato ospite di Caterina Balivo a Vieni da Me e si è confidato, parlando della sua carriera ma anche della morte del figlio Alessio, scomparso a soli 23 anni nel febbraio del 2013. Un lutto che gli ha cambiato la vita, spingendolo anche a lasciare Angelo Sotgiu e Angela Brambati, suoi compagni nei Ricchi e Poveri.

Gatti ha spiegato le circostanze che hanno portato alla morte di Alessio, ovvero una “prima assunzione” di un cocktail di alcool ed eroina, come certificato dagli esami voluti dalla Procura di Genova e compiuti dall’Istituto di Medicina legale, che gli ha procurato un infarto fatale: “Ha fatto una cazzata, la prima della sua vita, con gli stupefacenti e in un momento in cui non stava bene. E l’ha pagata così”, ha detto Gatti precisando che il figlio beveva sì molto, ma non aveva una dipendenza da droghe.

Il cantante si è commosso raccontando un aneddoto che l’ha colpito: “A casa veniva sempre un gabbiano la mattina a trovarmi. Lo guardavo e poi se ne andava. A Mosca poi pensai a mio figlio e vidi un gabbiano. Se non era un messaggio questo? Credo che ci rincontreremo, lo spero. Io mio figlio lo sento vicino. Era incredibile, dotato di una grande genialità. Io ho sempre giocato nei titoli borsistici, gli feci vedere come facevo, dopo sei mesi era migliore di me. Di studiare non se ne parlava, però era un tipo così. L’unica cosa era che beveva molto”, ha concluso commosso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna: “Se mi appaiono i fantasmi? Vorrei chiudere gli occhi e non vedere più nulla. Sogno il cinema, magari Tornatore…”

next
Articolo Successivo

Superenalotto, è stata finalmente riscossa la vincita record da 209 milioni di euro

next