È servita una riunione a Palazzo Madama tra Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Ignazio La Russa, ma alla fine il centrodestra ha trovato l’accordo: il leghista Raffaele Volpi è il candidato unico di Carroccio, Fratelli d’Italia e Forza Italia per la presidenza del Copasir, lasciata vacante da Lorenzo Guerini, nel frattempo diventato ministro della Difesa. Domani, mercoledì, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica – che si occupa di verificare la correttezza dell’operato dei servizi segreti italiani – si riunirà ed eleggerà il nuovo presidente. A quel punto ogni momento sarà buono per convocare il premier Giuseppe Conte e chiedergli chiarimenti riguardo alla presunta autorizzazione ai contatti tra l’intelligence italiana e membri dell’amministrazione americana per indagare sullo scandalo delle mail di Hillary Clinton.

Volpi era già stato scelto dalla Lega per sostituire Riccardo Molinari, ma mancava ancora l’intesa con il blocco di centodestra e specialmente con Fdi per candidarlo alla presidenza. Fratelli d’Italia infatti spingeva per l’attuale vicepresidente, Adolfo Urso. I due leader dell’opposizione (alla quale spetta la carica) si sono riuniti al Senato per trovare un accordo. Il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi era in contatto telefonicamente.

Con il Copasir al completo, dopo la nomina di Enrico Borghi, e con l’elezione del presidente, sarò possibile chiedere al premier Conte di riferire davanti al Comitato per fornire spiegazioni sulle visite segrete che il ministro della giustizia statunitense, William Barr, ha fatto in Italia con l’obiettivo di recuperare informazioni sull’origine del Russiagate e in particolare su Joseph Mifsud, professore dell’università Link Campus di Roma che nel 2016 avrebbe rivelato l’esistenza delle mail di Hillary Clinton in possesso dei russi. Visite, questa è l’accusa, in cui Barr ha incontrato i vertici dei servizi segreti italiani con l’ok dello stesso presidente del Consiglio, che ha mantenuto la delega ai servizi segreti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taglio parlamentari, il M5s in piazza per festeggiare. Di Maio: “Giornata storica, grazie a noi la riforma è stata realizzata”

prev
Articolo Successivo

Galantino lascia il M5s e passa a Fratelli d’Italia, caos alla Camera: “Venduto”. Urla e spinte in Transatlantico

next