“Uri, Unione radiofonica Italiana, 1 RO, stazioni di Roma, lunghezza d’onda metri 425…” con questo annuncio iniziavano le regolari trasmissioni radiofoniche in Italia, 95 anni fa. Erano le 21 del 6 ottobre del 1924 e Ines Viviani Donarelli presentava il concerto inaugurale della prima emittente radiofonica italiana nel corso del quale lei stessa avrebbe suonato, in un quartetto d’archi, musiche di Haydin. Una precisazione: l’annunciatrice ufficiale era un’altra signora, la mitica Maria Luisa Boncompagni che avrebbe affascinato con la sua voce incantevole i radioascoltatori per i trent’anni successivi. Ma Ines Viviani era, oltre che una violinista, anche la moglie del direttore artistico dell’Uri. Lasciamo da parte i pettegolezzi e pensiamo a cose più serie, alla storia.

L’Uri, come ente, era nata qualche mese prima da una fusione tra una società privata del gruppo Marconi e una concessionaria, voluta dal ministro Galeazzo Ciano, autorizzata a riscuotere il canone. Non mancava, tra i finanziatori privati, la presenza della Fiat, così che la prima presidenza dell’Uri andò proprio al direttore Fiat, mentre, sul versante politico, oltre a Ciano, era stato forte per la costituzione del nuovo ente l’interesse di Mussolini.

D’altronde l’Italia non poteva più aspettare troppo a dotarsi di un suo servizio di comunicazione radiofonica. Negli Usa dopo la fine della Prima guerra mondiale era cominciato un vero e proprio boom della radio, con una proliferazione delle emittenti (nel 1924 erano più di un migliaio) prodotta dal Radio act ultraliberista del 1912 e con una grande risposta da parte dell’utenza, come testimoniano le centinaia di migliaia di dollari spesi per l’acquisto di apparecchiature. Anche alcuni paesi europei si stavano organizzando: in Inghilterra la British Broadcasting Company, che aveva incorporato le varie società produttrici di tecnologie della Marconi Company, preparava la sua conversione in Corporation di natura pubblica “chartered” e finanziata da 2 milioni di abbonati.

In Italia, la patria di colui che aveva inventato la tecnologia e l’aveva portata in tutto il mondo, invece le cose non andarono così bene. L’interesse e la geniale creatività che i futuristi manifestarono per il nuovo mezzo e che confluì nel celebre manifesto marinettiano, ebbe ben pochi riscontri pratici nella programmazione quotidiana. I palinsesti dell’Uri che possiamo conoscere attraverso il suo “house organ”, il Radiorario, analizzati qualche anno fa in un bel libro di Luigi ParolaE poi venne la radio – non rivelano grandi invenzioni e alternano musica e conversazioni culturali, con qualche spazio per il teatro e l’introduzione nel 1927 della pubblicità.

L’interesse che il nuovo mezzo suscitò negli italiani in quei primi anni fu molto modesto e modesta, di conseguenza, la diffusione della radio nelle case: alla fine del 1927 gli abbonati erano poco più di 40000, lo 0,5% delle famiglie. Il problema spinse il regime fascista a un intervento molto deciso. Un regio decreto del 17 novembre 1927 sancisce la fine dell’Uri, a tre anni dalla sua nascita. Al suo posto si istituisce l’Eiar, che inizialmente rispetta, nella scelta dei dirigenti, una certa continuità con il passato ma tenderà, sempre più chiaramente, a inserire il nuovo ente nel progetto di fascistizzazione del paese, come rivela la designazione alla vicepresidenza di Arnaldo Mussolini, fratello di Benito e direttore del Popolo d’Italia.

Ma questa è un’altra storia e la racconteremo in un’altra occasione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza è Placido Domingo: “Mi è sempre piaciuta la lirica. Vado sempre su you-Lirica”. Poi si difende dalle accuse di molestie: “Equivoco”

next
Articolo Successivo

Alberto Angela batte (di nuovo) Maria De Filippi. Ulisse piace ai laureati mentre i giovanissimi preferiscono Amici Celebrities

next