Alcune videocamere di sicurezza di fascia economica in vendita su Amazon mettono a rischio la privacy degli utenti a causa di seri problemi di sicurezza. A far emergere la questione è stata Which!, nota rivista inglese legata all’associazione dei consumatori Consumers’ Association, che ha fatto partire anche una segnalazione al Dipartimento di Cultura, Media e Sport (DCMS) che sta lavorando anche sul sodice di sicurezza dei prodotti legati all’Internet degli Oggetti.

I test per stimare i fattori di rischio sono stati condotti presso il laboratorio di Context Information Security, che ha rilevato problemi che vanno dal rischio di esposizione di dati personali all’eventualità che i cyber criminali possano prendere controllo dei dispositivi, spiando i proprietari.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

Which! stima che i prodotti a rischio nel Regno Unito possano essere circa 50mila, sono per lo più provenienti dalla Cina e i marchi citati sono Vstarcam, ieGeek, Srucam e SV3C. Nel lungo articolo di denuncia, il giornalista Andrew Laughlin scrive: “quando abbiamo analizzato la Vstarcam C7837WIP, il nome utente predefinito è risultato impostato su ‘admin’ con una password facilmente indovinabile. Attraverso una semplice ricerca online, siamo stati in grado di recuperare il nome utente e la password per l’account amministratore. Ciò potrebbe consentire a qualcuno di controllare completamente la videocamera”.

Inoltre, secondo gli esperti la ieGeek 1080p e la Sricam 720p sembrano impiegare la stessa app, che invia la password del Wi-Fi di casa via Internet senza crittografia. Sarebbe facile per un cyber criminale accedere alla rete Wi-Fi e ottenere l’accesso ai dati memorizzati su altri dispositivi collegati come tablet, notebook e altoparlanti intelligenti.

A quanto pare il problema non è nuovo, perché la rivista sottolinea che erano già stati segnalati problemi di questo tipo in primavera, senza esito. Amazon non ha risposto per ora, la situazione sarà da tenere d’occhio per capirne gli sviluppi.

Intanto Which! rincara la dose, citando i test dell’esperto di sicurezza Paul Marrapese, che ha collaborato all’inchiesta ed è riuscito ad hackerare i modelli Elite Security, Accfly Camhi APP Outdoor Security Camera 1080P e la Vstarcam C7837wip Wireless Camera 720P accedendo agevolmente in remoto a ogni flusso video e localizzandoli.

La rivista consiglia di scegliere solo prodotti con marchio riconosciuto, e prima dell’acquisto controllarne i siti web e tutte le informazioni disponibili. In fase di installazione del prodotto, poi, è d’obbligo cambiare sempre le password preimpostate. A scanso di equivoci, è anche consigliato evitare di posizionare le videocamere nelle camere da letto o in zone sensibili della casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

iPhone 11 Pro la nostra prova: scatta foto di gran qualità, ha una buona autonomia, ma costa molto

next
Articolo Successivo

Black Hole è il nuovo servizio per spedire file di grandi dimensioni con la massima sicurezza

next