Per incentivare i pagamenti elettronici anche tra la popolazione anziana, meno abituata ad utilizzare i bancomat, potrebbe arrivare una “carta unica” che dentro avrà “carta d’identità, tessera sanitaria, identità digitale e possibilità di attivare in conto di pagamento presso qualsiasi sportello bancario o postale”. Ad anticiparlo al Sole 24 Ore, confermando al tempo stesso il piano per garantire un bonus a chi acquista con moneta elettronica, è il sottosegretario al Tesoro Alessio Villarosa. I lavori sono in corso, racconta l’esponente M5s, perché dovrà “garantire gli standard internazionali sui quali ci si è accordati con gli altri Paesi”.

L’operazione per rendere tracciabili tutte le transazioni si basa su due pilastri: un credito di imposta per chi installa il Pos e un piccolo rimborso fiscale a chi compra con mezzi diversi dal contante. “Il cashback riguarderebbe sia negozianti che famiglie”, spiega il sottosegretario, “stiamo ragionando se iniziare dai settori con alte percentuali di evasione o direttamente su tutte le transazioni”. Inoltre, aggiunge Villarosa, “è fondamentale eliminare i costi delle transazioni digitali sotto i 5 euro e ridurre pesantemente i costi per quelle sotto i 25 euro e garantire bassi costi per quei settori a “bassa marginalità” come, ad esempio, benzinai o edicolanti”.

La strada prescelta dunque è quella degli incentivi, mentre non trova sostegno la proposta di Confindustria di una commissione sui prelievi di contante sopra una certa soglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green new deal – Dalla bioplastica alla meccanica a bassi consumi, fino a carta e abiti da fibre riciclate: ecco i settori che sperano nel piano

next
Articolo Successivo

Usa, la banca centrale inonda il mercato di dollari: almeno 75 miliardi al giorno fino al 10 ottobre per garantire liquidità alle banche

next