Per incentivare i pagamenti elettronici anche tra la popolazione anziana, meno abituata ad utilizzare i bancomat, potrebbe arrivare una “carta unica” che dentro avrà “carta d’identità, tessera sanitaria, identità digitale e possibilità di attivare in conto di pagamento presso qualsiasi sportello bancario o postale”. Ad anticiparlo al Sole 24 Ore, confermando al tempo stesso il piano per garantire un bonus a chi acquista con moneta elettronica, è il sottosegretario al Tesoro Alessio Villarosa. I lavori sono in corso, racconta l’esponente M5s, perché dovrà “garantire gli standard internazionali sui quali ci si è accordati con gli altri Paesi”.

L’operazione per rendere tracciabili tutte le transazioni si basa su due pilastri: un credito di imposta per chi installa il Pos e un piccolo rimborso fiscale a chi compra con mezzi diversi dal contante. “Il cashback riguarderebbe sia negozianti che famiglie”, spiega il sottosegretario, “stiamo ragionando se iniziare dai settori con alte percentuali di evasione o direttamente su tutte le transazioni”. Inoltre, aggiunge Villarosa, “è fondamentale eliminare i costi delle transazioni digitali sotto i 5 euro e ridurre pesantemente i costi per quelle sotto i 25 euro e garantire bassi costi per quei settori a “bassa marginalità” come, ad esempio, benzinai o edicolanti”.

La strada prescelta dunque è quella degli incentivi, mentre non trova sostegno la proposta di Confindustria di una commissione sui prelievi di contante sopra una certa soglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green new deal – Dalla bioplastica alla meccanica a bassi consumi, fino a carta e abiti da fibre riciclate: ecco i settori che sperano nel piano

next
Articolo Successivo

Usa, la banca centrale inonda il mercato di dollari: almeno 75 miliardi al giorno fino al 10 ottobre per garantire liquidità alle banche

next