“È una follia, una misura illegittima e impraticabile“, dicono in molti. “Può essere utile, per contrastare l’evasione fiscale che passa attraverso i pagamenti in contante”, rispondono altri. La proposta di Confindustria di introdurre una tassa del 2% sui prelievi bancomat di somme superiori ai 1500 euro al mese, suscita più critiche che consensi tra i cittadini che abbiamo interpellati in strada. “È un furto tassare l’uso del denaro contante prelevato dal conto corrente”, spiegano i critici. “1500 euro al mese è una soglia accettabile, perché scoraggia i pagamenti in nero di chi maneggia cifre rilevanti”, replicano i favorevoli. “Chi non ha nulla da nascondere paga volentieri in forma elettronica”, dichiara qualcuno. “Trovo naturale usare il contante, non voglio dipendere dalle macchine”, rispondono altri. C’è chi osserva: “Il grosso dell’evasione passa attraverso i trucchi contabili, non il contante”. E chi propone: “Meglio incentivare l’utilizzo della moneta elettronica con agevolazioni per i consumatori e riduzioni di costi per le imprese”. Il governo sembra orientato a non adottare questa misura. Voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, sbarcano 102 migranti. Sindacato polizia Sap: “Il sistema è in tilt. Arrivati in 570 solo a settembre”

next
Articolo Successivo

Brescia, “sposati o farai la fine di Sana Cheema”: arrestati genitori e fratello di una ragazza pachistana

next