Due donne con doppia cittadinanza australiana e britannica e un cittadino australiano sono stati arrestati in Iran. A renderlo noto lo stesso ministero degli Esteri di Canberra, aggiungendo che ai tre viene fornita assistenza consolare. Tutti si trovano nel carcere Evin di Teheran, lo stesso dove dal 2016 è rinchiusa la project manager 41enne Nazanin Zaghari-Ratcliffe, britannica-iraniana, per accuse di spionaggio. Secondo il Times le due donne detenute sarebbero una docente universitaria dell’Università di Cambridge, che stava insegnando in una facoltà australiana, e una blogger, arrestate in occasioni separate. Secondo i media australiani, il terzo arrestato sarebbe il compagno della blogger. I loro nomi non sono stati rivelati e non è ancora chiaro né di quale reato siano accusati né se siano stati incriminati: si sa solo che una delle due donne sarebbe detenuta da circa un anno.

Il Times collega gli arresti ad una escalation di tensione in atto tra Londra e Teheran, sottolineando che si tratterebbe dei primi casi di arresto di persone con doppia cittadinanza una delle quali non sia quella iraniana.

Si ipotizza anche l’influenza dei conflitti internazionali: la notizia arriva dopo è stata annunciata la partecipazione di Canberra alla missione guidata dagli Usa per proteggere le spedizioni nello Stretto di Hormuz, che divide la Penisola arabica dalle coste dell’Iran. In settimana l’Australia aveva rivisto gli avvisi ai turisti diretti a Teheran, invitando a “rivalutare la necessità di viaggiare” e a “non viaggiare” in zone vicine al confine con Iraq e Afghanistan.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

11 settembre, non solo Torri Gemelle. Ecco com’è nato il terrorismo moderno

prev
Articolo Successivo

California, passa legge al Senato: “Uber e le società che lavorano via app trattino i lavoratori come dipendenti”

next