Come ogni anno la conferenza Apple di inizio settembre è quella dedicata al lancio dei nuovi iPhone. Allo Steve Jobs Theater sono stati presentati 3 nuovi modelli. Il primo è l’iPhone 11, smartphone con schermo da 6.1″ che integra la tecnologia haptic feedback. Monta al posteriore un sistema a doppia fotocamera composto da un sensore principale da 12MP associato ad un sensore da 12MP con lente grandangolare. Permette di registrare video in 4k a 60fps, passando da una fotocamera all’altra al bisogno, integrando un più avanzato sistema di stabilizzazione. Arriva la modalità QuickShot che permette di registrare brevi video senza passare in modalità video tenendo premuto il pulsante di scatto. Sul frontale trova posto una fotocamera da 12MP, in grado di scattare selfie grandangolari, registrare video in 4k a 30fps ed in slow motion.

All’interno dell’iPhone 11 trova posto il nuovo chip A13 Bionic, che offre prestazioni ancora superiori all’A12 presentato lo scorso anno sia dal punto di vista della CPU che della GPU, vedendo Apple assegnargli il titolo di processore e chip video più performanti in ambito smartphone. Le performance migliorate dovrebbero permettere al nuovo iPhone di gestire agilmente anche giochi con grafica e gameplay più avanzati. Dal punto di vista della batteria il nuovo iPhone promette 1h di durata in più rispetto al precedente iPhone XR.

L’iPhone 11 Pro, primo smartphone della casa della mela ad usare la sigla “Pro” tipicamente usato sui prodotti pensati per i professionisti, arriverà in 4 colori (Midnight green, Space Gray, Silver / White e Gold) e due versioni: Pro con schermo da 5.8” e Pro Max con schermo da 6.5″. In entrambi i modelli gli schermi, chiamati da Apple Super Retina XDR, utilizzano pannelli OLED ed offrono il supporto a Dolby Vision, HDR e 1200nits di luminosità.

Anche gli iPhone 11 Pro equipaggiano il nuovo chip A13 Bionic, ed offrono rispettivamente 4 e 5h di batteria in più rispetto agli iPhone XS ed XS Max, vedendo incluso nella confezione un caricatore da 18W dotato di rapid charge. Sul versante fotografico al posteriore trova posto un sistema a tripla fotocamera, tutte e tre utilizzano sensori da 12MP vedendo una lente standard con apertura f/1.8, una grandangolare a 120° con apertura f/2.0 ed una tele con zoom a 2x ed apertura f/2.4. I nuovi iPhone Pro integrano la tecnologia DeepFusion che utilizza l’intelligenza artificiale per unire 9 scatti ed offrire un’immagine con un miglior livello di dettaglio.

Sul versante video l‘iPhone 11 Pro può registrare in 4k a 60fps con tutte e 3 le fotocamere, permettendo di passare da una all’altra in modo scorrevole, mantenendo sincronizzati fuoco; sarà possibile effettuare l’editing del filmato utilizzando lo smartphone stesso. Utilizzando l’app Filmic Pro è possibile registrare in contemporanea con 2 fotocamere alla volta, potendo scegliere quali utilizzare tra le 3 posteriori e quella anteriore in base alle necessità ed inquadrature scelte.

Tutti i nuovi iPhone saranno disponibili al preordine da Venerdì, con consegne a partire dal 20 Settembre. L’iPhone 11 arriva sul mercato il in 6 colorazioni con prezzi a partire da 839€, iPhone 11 Pro vedrà il suo prezzo partire da 1.189€, mentre iPhone 11 Pro Max si salirà a 1.289€. Rimarranno in vendità con prezzi ribassati l’iPhone XR (739€) e l’iPhone 8 (559€).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple presenta l’iPad di settima generazione, in arrivo a partire dal 30 Settembre

prev
Articolo Successivo

Apple Watch Serie 5 in arrivo il 20 settembre, i prezzi partono da 459 euro

next