“Che possa avvenire in futuro l’impatto di un asteroide sulla Terra è certo, ma è una catastrofe che possiamo non solo prevenire, ma evitare”. A parlare è il responsabile della missione Hera per l’Esa, Ian Carnelli al convegno organizzato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), che si apre oggi a Roma e in corso fino al 13 settembre. Proprio per questo Europa e Stati Uniti uniscono le forze per affrontare la prima ‘prova generale’ per deviare, in futuro, un eventuale asteroide pericoloso ed evitare in questo modo un impatto devastante. Il programma congiunto si chiama Aida (Asteroid Impact Deflection Assessment) ed è stato presentato oggi. Se state pensando ad azioni del genere viste nei film come Armageddon sappiate che la questione è molto diversa.

La difesa planetaria è fra i temi all’attenzione delle agenzie spaziali. Esa e Nasa, ha aggiunto, stanno sviluppando un sistema coordinato basato su tre elementi: una rete telescopi a Terra per scoprire e catalogare il maggior numero di asteroidi e caratterizzarne le proprietà; due centri di calcolo, nel centro dell’Esa in Italia (Esrin) e nel Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, che in modo indipendente useranno i dati dei telescopi per calcolare traiettorie e probabilità di impatto; un programma per deviare la traiettoria degli asteroidi a rischio di impatto sulla Terra.

Del programma Aida fanno parte la missione Dart (Double Asteroid Impact Test) della Nasa, il cui lancio è in programma nel 2021 per raggiungere la piccola luna dell’asteroide Didimo nel 2022, raccogliere dati e precipitare sulla sua superficie; a registrare l’impatto, come uno specialissimo cronista, ci sarà il piccolo satellite Licia, dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Hera, il cui lancio è previsto nel 2026, arriverà nell’orbita di Didimo per raccogliere nuove misure e dati preziosi per verificare l’entità della deviazione dovuta all’impatto. “Grazie alle questo coordinamento potremo ottenere risultati combinati molto maggiori rispetto a quelli che potrebbero dare le singole missioni indipendenti”, ha detto Carnelli.

La missione Hera sarà anche sul tavolo della conferenza ministeriale dell’Esa prevista in novembre a Siviglia, con la richiesta di 140 milioni di euro per la fase di costruzione del satellite; nella ministeriale successiva dovranno invece essere assegnati i finanziamenti per il lancio, per un costo complessivo della missione di 290 milioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rinoceronte bianco, creati due embrioni in vitro della specie in via di estinzione

prev
Articolo Successivo

Scoperto un nuovo pianeta in cui c’è acqua. Gli scienziati: “Lì potrebbero esserci segni di vita”

next