Una Commissione europea più forte? Più simpatica, forse, con una presidente e 12 donne a renderla la più paritetica di sempre; e più fresca, certo, perché il presidente uscente Jean-Claude Juncker e alcuni suoi commissari sono giunti a fine mandato proprio “cotti”. Sui contenuti, però, la si misurerà da quello che farà: buone premesse ce ne sono, come il riconoscimento della necessità di riformare gli accordi di Dublino sulla gestione dei richiedenti asilo; ma un conto sono i propositi e un conto, poi, i fatti.

Aspettiamo che Ursula von der Leyen, cristiano-sociale tedesca – noi diremmo democristiana -, ex ministro della Difesa, figlia d’arte – il padre fu un alto funzionario europeo – e madre di sette figli, s’insedi con il suo collegio e cominci ad operare: sette settimane di pazienza, di qui al 1 novembre. Si capirà presto se i governi dei 27 le daranno credito e le lasceranno spazio; e se UvdL – già solo l’acronimo suona cambio di marcia – meriterà credito e vorrà utilizzare lo spazio lasciatole ed eventualmente cercare di conquistarne altro.

Non è impossibile fare meglio del suo predecessore, che ha comunque fatto meglio del portoghese Manuel Barroso, cui la strategia del “non disturbare il manovratore”, cioè i governi, valse il premio di due mandati. Anche se l’orizzonte dell’Unione è offuscato da nuvole nere: segnali di recessione e di crisi, quando ancora non sono stati assorbiti e del tutto recuperati i danni del 2008/09. La priorità dovrà essere mettere in atto politiche di sostegno del lavoro e di rilancio dell’economia, anticipando e se possibile sventando la crisi.

E un’Italia più forte in Europa? Teniamo i piedi per terra, non facciamoci illusioni e ragioniamo insieme. Più che dagli uomini presenti nelle Istituzioni comunitarie e dai loro incarichi, la forza d’un Paese nell’Unione dipende dalla sua credibilità e dai suoi comportamenti.

Prima delle Europee di maggio, l’Italia non era mai stata così forte nelle Istituzioni comuni: aveva tre delle cinque/sei posizioni apicali, che sono la presidenza della Commissione, il “ministro degli Esteri” europeo – Federica Mogherini -, la presidenza del Consiglio europeo, la presidenza del Parlamento europeo – Antonio Tajani -, la presidenza dell’Eurogruppo e la presidenza della Banca centrale europea – Mario Draghi. Eppure, a Bruxelles contavamo pochissimo, con un governo senza interlocutori politici influenti nel Consiglio europeo e senza spalle politiche valide nel Parlamento europeo.

Ora che abbiamo solo una posizione apicale – e per dispetto ricevuto: l’elezione di David Sassoli alla presidenza del Parlamento europeo è stato uno sberleffo, non un favore, al governo italiano, che non lo sosteneva -, siamo forse messi meglio: perché Paolo Gentiloni ha un portafoglio importante nel nuovo Esecutivo (in assoluto e per l’Italia), quello degli Affari economici; perché nella squadra di governo, in posizioni per Bruxelles chiave, ci sono personaggi che Bruxelles conosce e apprezza, a partire dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri; soprattutto perché la retorica governativa europea non è più quella dei “tanti nemici molto onore”, anzi “tutti nemici, molto onore”, ma è quella del dialogo e del confronto, specie con quei partner cui tradizionalmente siamo stati più vicini (e che tradizionalmente sono più attenti alle nostre posizioni, Francia e Germania).

Revisione del patto di stabilità e riforma di Dublino non sono più, anzi non sono mai stati, tabù nell’Ue, se si gioca il gioco delle proposte, dei negoziati, del delicato equilibrio fra risultati ottenuti e concessioni fatte. Sapendo di che cosa si parla e non gettando, com’è nostra frequente tentazione, il cuore oltre l’ostacolo: già si parla di un presidente europeo eletto a suffragio universale, proprio come il presidente degli Stati Uniti, senza ancora che ci sia un presidente europeo (ce ne sono tanti, ciascuno d’una istituzione) e, soprattutto, senza che vi sia – né s’intravveda – un’Europa federale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casini show in Aula. Al M5s: “Votiamo la fiducia insieme, chi lo avrebbe mai detto?”. E alla Lega: “Non abbiate crisi di gelosia”

next
Articolo Successivo

Palermo, la sinistra apre ai 5 stelle: “Tempi maturi per allargare maggioranza”. La replica: “Grazie ma restiamo all’opposizione”

next