I “temi, le forme e la lingua” della Poesia di Pasolini, indagati attraverso le lezioni di esperti, italiani e internazionali, dell’opera dello scrittore e cineasta italiano. È il focus della seconda edizione della scuola estiva del Centro Studi Pasolini di Casarsa della Delizia, in provincia di Pordenone, in quella che un tempo fu la casa dell’intellettuale nel Friuli. Una quattro giorni, da mercoledì 11 settembre a sabato 14, dedicata alle nuove ricerche sull’opera di Pasolini. Un campo di studi che, come dimostra la rapidità con cui si sono esauriti i 25 posti messi a disposizione, rimane sempre in continuo aggiornamento.

Il programma, dedicato a giovani studiosi, accademici e ricercatori, è stato curato da Lisa Gasparotto (Università di Milano-Bicocca) e Paolo Desogus (Sorbonne Université di Parigi), affiancati dal presidente del Centro Piero Colussi, dal sindaco di Casarsa Lavinia Clarotto e dall’assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli. Tra i maggiori sostenitori e partner culturali ci sono la Fondazione Friuli, l’Équipe littérature et culture italiennes dell’Università Sorbonne di Parigi, l’Università degli Studi di Trieste e la Società per lo studio della modernità letteraria (MOD).

“Abbiamo a lungo pensato al tema di questa seconda edizione”, spiegano i curatori Gasparotto e Desogus. Nel tentativo di integrare l’offerta formativa con interventi di alto profilo scientifico, ma anche con un carattere didattico, la decisione è stata quella “di trattare nel dettaglio alcuni testi”, ma senza trascurare “il metodo di lavoro pasoliniano e la commistione che caratterizza l’intera sua opera”, inserendo “lezioni dedicate alle singole opere poetiche”, ma anche sugli “inserti poetici nell’opera teatrale e cinematografica”.

Quindi lezioni frontali, ma anche alcuni incontri aperti al pubblico con autori e critici. Tra questi Franco Zabagli, dal Gabinetto Vieusseux di Firenze, giovedì alle 21, per la presentazione della nuova edizione di “Poesie a Casarsa”, il primo libro di Pasolini e, venerdì alle 18 la presentazione della rivista “Il parlar franco” con il curatore Gualtiero De Santi e l’autore Rienzo Pellegrini. Agli studenti che stanno già lavorando sull’opera dell’intellettuale di Quartiere Santo Stefano sarà inoltre dedicato un laboratorio in cui poter presentare e discutere i propri lavori alla presenza di studiosi affermati come Marco Bazzocchi (Università di Bologna), Davide Luglio (dalla Sorbonne di Parigi), Silvia De Laude (Université de Genève), Gianluca Picconi (Università di Genova), Caterina Verbaro (Università Lumsa Roma), Maria Rizzarelli (Università di Catania).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Peter Lindbergh, addio al fotografo che ha visto il futuro

next
Articolo Successivo

Festival delle Eccezioni, il 20 settembre al via la seconda edizione a Casperia (Ri). Tema centrale: “il piccolo”

next