Il ministero degli Esteri riesce difficile all’avvocato Giuseppe Conte, presidente del Consiglio confermato. Nel suo primo governo, aveva scelto – o glielo aveva scelto il presidente Mattarella? – una persona qualificata, competente, garbata e con consuetudini e frequentazioni internazionali, specie europee, Enzo Moavero Milanesi, che era però un politico peso mosca. E, così, Moavero s’è visto poco e sentito meno, mentre il lavoro da ministro degli Esteri davano piuttosto l’impressione di farlo i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Moavero doveva garantire – si disse – l’ancoraggio dell’Italia all’Europa dagli sconquassi che avrebbe prodotto il responsabile degli Affari europei Paolo Savona. In realtà, Savona si avvertì poco e restò meno: dei rapporti con l’Unione s’occuparono il premier Conte in prima persona e il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Adesso, la situazione pare rovesciata: alla Farnesina c’è un politico peso massimo, per i ruoli che Luigi Di Maio ha: capo politico del Movimento 5 Stelle e capo delegazione del M5S al governo; però con un curriculum vergine di qualifiche e competenze per fare il ministro degli Esteri. Manco la passione per i viaggi sembra un suo tratto peculiare.

Intorno a lui, in ruoli utili a calmierare – se del caso – incongruenze e intemperanze europee del nuovo ministro, persone qualificate e competenti come il ministro per l’Economia Roberto Gualtieri, che lascia l’incarico di presidente della Commissione economica del Parlamento europeo, e anche quello per gli Affari europei, Vincenzo Amendola: entrambi, però, hanno molto meno peso politico di Di Maio.

Gualtieri all’Economia è “un bene per l’Italia e per l’Europa”, dice la prossima presidente della Bce, Christine Lagarde, prima ancora che la scelta sia ufficializzata. E Bruxelles è pure pronta a salutare con favore la designazione a commissario europeo di Paolo Gentiloni, un ex premier ed ex ministro degli Esteri: di che aumentare la caratura politica della Commissione Ursula von der Leyen.

La scelta di Di Maio è stata subito oggetto di un fiorire di ironie più o meno facili e di notizie più o meno fake: la solita storia delle lingue; la cattiveria secondo cui l’ex vicepremier si sarebbe scelto quel posto perché, nel cerimoniale di Stato, il ministro degli Esteri viene subito dopo il presidente del Consiglio; la fantomatica telefonata al presidente Mattarella di Angela Merkel per dichiararsi “delusa” della scelta – fonte Dagospia. Non è neppure la prima volta che agli Esteri finisce qualcuno senza esperienza specifica, ma per seniority politica: basti ricordare Gianfranco Fini, che comunque non fece male nel ruolo; e, più di recente e più infaustamente, Angelino Alfano.

Ma c’era proprio bisogno di mettere agli Esteri l’uomo che scelse di andare a dialogare in Francia con i gilets jaunes – i cattivi del movimento, i casseurs – solo per mettere un dito nell’occhio, riuscendoci, al presidente francese Emmanuel Macron (che, per un po’, richiamò a Parigi l’ambasciatore a Roma)? E che presentò come alleati europei del M5S partiti rivelatisi fantasma? E che in Cina sbagliò il nome del presidente cinese, chiamandolo Ping invece di Xi?

Per carità, alcune lacune si colmano, molte cose s’imparano. E i diplomatici della Farnesina sono – è il mio giudizio – la fetta meglio preparata e più efficiente della pubblica amministrazione italiana e, a starli a sentire, possono offrire consiglio e supporto. Ma i dossier sull’agenda del ministro sono tanti e importanti: il ruolo, e il peso, dell’Italia in Europa e nelle relazioni transatlantiche, che significa riuscire a essere amici degli Stati Uniti nonostante Donald Trump, e non essere solo amici di Trump; il ruolo e il peso dell’Italia nel Mediterraneo, con la questione libica in primo piano; e – sono suo parole – l’internazionalizzazione del Sistema Paese, con particolare attenzione all’Africa, alle migrazioni e alle economie emergenti. Che, detto così, pare più un programma da neutrale e non allineato dei tempi di Nehru e Sukarno che da Paese del G7: un testo da Alessandro Di Battista più che da consigliere diplomatico.

Il primo punto sull’agenda del ministro degli Esteri dovrebbe, a mio avviso, essere riparare i danni delle recite a soggetto del Conte 1, ridare all’Italia una presenza e una credibilità a livello politico nelle sedi internazionali: i diplomatici l’hanno sempre assicurata, ma l’ancoraggio d’un ministro è altra cosa, specie ora che la diplomazia è tutta fatta di incontri diretti e non mediati. Luigi Di Maio è la persona giusta? I dubbi ci sono, ma giudichiamolo da quel che farà, non dagli errori e dalle gaffe fatti finora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo Conte 2, il giuramento al Quirinale dei nuovi ministri: segui la diretta

next
Articolo Successivo

Il governo Conte 2 ha giurato davanti a Mattarella. Gentiloni sarà commissario Ue. Il premier ai ministri: “Collaborazione leale”, “basta sgarbi istituzionali” e “comunicazione sobria”

next